Sgozzata in casa, il killer di Ilenia confessa dinanzi al gip. Il marito della vittima sarà ascoltato oggi pomeriggio

Ilenia Fabbri

Con la confessione del presunto killer di Ilenia Fabbri, uccisa a Faenza lo scorso 6 febbraio, gli investigatori che da un mese indagano sull’efferato omicidio della donna credono di avere chiuso il cerchio intorno al marito della vittima. Il sicario è Pierluigi Barbieri, alias Lo zingaro, 53 anni: nel corso dell’interrogatorio di garanzia, concluso questa mattina, l’uomo ha ammesso di avere ucciso la 46enne. Secondo gli investigatori,, avrebbe agito su commissione di Claudio Nanni, ex marito della donna e presunto mandante dell’assassinio, avvenuto al culmine di una complicata separazione dei coniugi. Nanni, 54 anni, sarà invece interrogato alle 14 e dovrà rispondere alle domande del gip sulle sue responsabilità nella vicenda.

Leggi anche / L’omicidio di Ilenia Fabbri

Ilenia Fabbri fu trovata sgozzata nel suo appartamento di via Corbara a Faenza, nel ravennate. Unica testimone del delitto, un’amica della figlia che era rimasta lì a dormire. La figlia invece era con il padre, che era andata a prenderla per andare insieme a Milano. Un alibi di ferro che però è stato smontato dagli investigatori, le cui indagini si sono subito concentrate sull’uomo e sulla difficile separazione.

Ad incastrare Claudio Nanni e Pierluigi Barbieri, un video che immortala la presenza del presunto sicario nei pressi della villetta e la testimonianza di una conoscente del mandante che avrebbe espresso l’intenzione di liberarsi della ex moglie, probabilmente per contrasti di natura economica. Barbieri, nato a Cervia (Ravenna) e da tempo domiciliato in provincia di Reggio Emilia, è comparso davanti al Gip Corrado Schiaretti e al Pm Angela Scorza, ha risposto a tutte le domande restituendo una piena ammissione dei fatti.

lunedì, 8 Marzo 2021 - 12:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA