Ammazza moglie e suocera, scappa e poi si uccide. La confessione al telefono coi carabinieri: «Venite, le ho uccise»

carabinieri

«Venite, ho ucciso mia moglie e mia suocera». La drammatica telefonata è arrivata ieri sera al 112, all’altro capo c’era Antonio Granata, 61enne incensurato, che ha così confessato di avere ucciso le due donne e poi di essersi allontanato. Un rigurgito di coscienza, la consapevolezza di non avere speranza di farla franca, il pentimento: non si sa cosa abbia mosso l’uomo, che per lavoro si occupava di potature di alberi e piante e che non aveva mai avuto problemi con la giustizia, a chiamare i carabinieri. Poco dopo quella chiamata si è tolto la vita, il suo corpo è stato rinvenuto a Palagiano (Taranto), poco distante dal luogo del delitto.

I fatti
Colpi al volto e alla gola sferrati con violenza, con le vittime impossibilitate alla minima reazione. Sarebbe avvenuto questo ieri sera nella casa di Massafra, 32mila abitanti in provincia di Taranto, teatro del duplice omicidio. Antonio Granata, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, avrebbe ucciso le due donne con un coltello e un arnese da lavoro, in seguito avrebbe compiuto atti autolesionistici, poi, alla vista di alcuni conoscenti, si è allontanato in auto dall’abitazione per infine decidere di chiamare i carabinieri. Quando sono intervenuti i carabinieri, nell’appartamento al piano terra dov’è avvenuta la tragedia, in via Leonardo Da Vinci nel rione San Francesco, si sono trovati di fronte a una scena raccapricciante, con le due donne riverse per terra, in un lago di sangue, in stanze diverse.

Le vittime
Le vittime sono Carolina Bruno di 65 anni, e sua madre Lorenza Addolorata Carano, di 91, colpite con violenza e non hanno avuto, stando alle prime informazioni, alcuna possibilità di difendersi dall’uomo. Prima di allontanarsi il 61enne ha telefonato al 112 confessando l’accaduto. «Venite, ho ucciso mia moglie e mia suocera». Poi, prima di riattaccare, avrebbe anche manifestato l’intenzione di togliersi la vita. L’uomo è fuggito con la sua auto e i carabinieri ora sono impegnati nelle ricerche. Il sindaco di Massafra, Antonio Quarto, appresa la notizia dagli agenti della Polizia Locale, parla di «immane tragedia che ha colpito la comunità. Una notizia che ci rattrista e ci lascia storditi. Pensiamo sempre – ha osservato – che questi eventi tragici non ci debbano mai toccare da vicino. Bisogna reagire a una bruttissima notizia che si aggiunge al periodo che viviamo, sicuramente non dei più semplici».

martedì, 16 Marzo 2021 - 09:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA