Auto di lusso acquistate falsificando i documenti di professionisti: 4 indagati


Identità rubate a facoltosi e ignari professionisti per poter acquistare auto di lusso. E’ quanto scoperto dai carabinieri di Caserta nell’ambito di una indagine che ha portato a quattro misure cautelari per associazione a delinquere finalizzata alla truffa: una persona è finita in carcere, due ai domiciliari mentre per il quarto il gip ha disposto l’obbligo di dimora. I quattro indagati sono del Napoletano, su di loro pesano anche le accuse di sostituzione di persona, alla falsità in atti pubblici, al riciclaggio e all’autoriciclaggio.

ll gruppo aveva la sua base in un’agenzia di pratiche auto di Casoria (Napoli) dove venivano autenticati i passaggi di proprietà delle auto acquistate con i documenti contraffatti; almeno otto le truffe accertate, sempre con auto della Mercedes, per un valore di quasi 95mila euro (93.700). Le indagini dei carabinieri della compagnia di Caserta, coordinate dalla Procura di Napoli Nord (Procuratore facente funzioni Carmine Renzulli), sono partite in seguito ad un tentativo di acquisto di una Mercedes, in una concessionaria di Caserta, da parte di due uomini che hanno esibito documenti di identità contraffatti. I due acquirenti sono stati arrestati dai carabinieri; il fatto è avvenuto a maggio 2019. Gli inquirenti hanno così scoperto l’esistenza di un’organizzazione ben strutturata in cui ogni componente aveva il suo ruolo: c’era chi comprava le auto presentando documenti di identità e fiscali contraffatti, chi le auto le rivendeva ad ignari acquirenti. I documenti di identità venivano falsificati cambiando la foto del soggetto.

lunedì, 22 Marzo 2021 - 11:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA