Fuorigrotta sotto assedio: decine di perquisizioni dopo il raid intimidatorio. Elicottero dell’Arma sorvola il quartiere

Un elicottero dei carabinieri sorvola il quartiere Fuorigrotta a Napoli

Fuorigrotta quartiere sotto assedio. Dall’alba i carabinieri del Comando provinciale di Napoli stanno presidiando il quartiere di Napoli teatro, venerdì scorso, dell’azione di un commando durante il quale qualcuno ha anche sparato. Una ‘stesa’, avvenuta in pieno giorno e nei pressi di un noto bar della zona, con tutta probabilità riconducibile alle tensioni di camorra che animano il quartiere dal giorno in cui un tabaccaio 77enne, Antonio Volpe, è stato freddato mentre tornava a casa. L’ipotesi privilegiata è che si sia trattata di una intimidazione contro i Troncone.

Un servizio straordinario di controllo del territorio, quello messo in atto dall’Arma, con l’impegno di decine di militari della Compagnia di Bagnoli dislocati nei punti strategici della zona per posti di controllo. Un elicottero del Nucleo elicotteristi Carabinieri sorvola da ore la zona per monitorare eventuali movimenti sospetti mentre i carabinier effettuano perquisizioni alla ricerca di armi e droga.

Venerdì pomeriggio in via Caio Duilio, alla presenza di decine di persone che erano in strada, una decina di giovanissimi a volto scoperto in sella a quattro o cinque scooter ha ‘invaso’ la strada. Nel corso dell’azione è stato anche sparato un colpo di arma da fuoco. I carabinieri sono sulle tracce degli autori del raid. I militari hanno nei giorni scorsi acquisito anche le immagini di diverse telecamere di videosorveglianza che hanno registrato i movimenti del gruppo di scooteristi che hanno agito con evidente intento intimidatorio, senza premurarsi a quanto pare nemmeno di coprire i loro volti.

Leggi anche:
– La minaccia dell’Anm al Governo: «Senza vaccino rallenteremo l’attività giudiziaria»

lunedì, 29 Marzo 2021 - 09:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA