Ucciso per un posto auto, Torre Annunziata intitolerà a Maurizio una piazzetta a pochi passi dal luogo dell’omicidio

Maurizio Cerrato

Il martirio di Maurizio Cerrato non deve essere dimenticato. La sua morte, epilogo di una lite con chi da anni occupava abusivamente la strada per parcheggiare l’auto, è già diventata simbolo della quotidiana battaglia della gente onesta contro chi prevarica, abusa, impone il proprio codice immorale. Quattro le persone arrestate per la sua uccisione, avvenuta in via IV Novembre dinanzi agli occhi della figlia Maria Adriana, appena 18enne, che aveva reagito all’arroganza parcheggiando la propria auto dove le era “proibito” e finendo senza colpa per innescare l’escalation violenta contro il padre, ammazzato con una coltellata.

L’amministrazione comunale di Torre Annunziata, città in cui l’assassinio si è consumato, non vuole dimenticare Maurizio e la sua drammatica fine. Per questo nei giorni scorsi la Giunta ha approvato l’atto di indirizzo per l’intitolazione di una strada comunale al 61enne.

Leggi anche / La storia di Maurizio, ucciso per un posto auto

«Tra le varie iniziative poste in essere dall’Amministrazione Comunale in ricordo di Maurizio Cerrato, assassinato lo scorso 19 aprile in un autorimessa di via IV Novembre – spiega il vicesindaco Lorenzo Diana – abbiamo ritenuto doveroso dedicare alla sua memoria una piazzetta compresa nello slargo che incrocia proprio via IV Novembre, luogo nel quale si è consumato l’efferato omicidio, via Vittorio Veneto e via Vagnola, denominandola “Piazzetta Maurizio Cerrato”.

Abbiamo già demandato al servizio Toponomastica del Comune e al Comando di Polizia Locale di predisporre ed adottare gli atti necessari all’intitolazione della piazzetta. Una volta ultimate le procedure tecniche, porteremo la proposta all’attenzione del Consiglio Comunale per l’approvazione.

L’intitolazione della piazzetta – conclude Diana – vuole essere uno stimolo a tener viva la memoria di Maurizio Cerrato, e ad alimentare i valori della convivenza civile quale argine alla violenza e alla barbarie».

martedì, 11 Maggio 2021 - 09:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA