Prostituzione, il ruolo delle due sorelle a capo del ‘giro’. All’associazione andava il 50% dei guadagni delle ragazze


Sono cinque le persone finite agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta di carabinieri e Procura di Napoli Nord su un’associazione dedita allo sfruttamento della prostituzione tra le province di Napoli e Caserta. L’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Napoli Nord è stata notificata a persone residenti a Caivano e Giugliano, accusate di associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento, favoreggiamento ed agevolazione della prostituzione e, in concorso con altre nove persone vario titolo coinvolte nelle indagini, per una pluralità di reati-fine di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Le indagini, iniziate a seguito di una segnalazione pervenuta nell’agosto 2019 e relativa all’esistenza di una abitazione in cui avvenivano incontri tra prostitute e clienti, sono state condotte anche attraverso attività tecniche di intercettazione audio e video, nonché mediante il monitoraggio delle autovetture. Grazie a riscontri è stata delineata l’esistenza dell’organizzazione, chi erano gli associati e come le ragazze che prostituivano utilizzavano abitazioni a Melito di Napoli, Giugliano in Campania, Napoli, Aversa, Orta di Atella, Gricignano di Aversa.

Tra le cinque persone destinatarie del provvedimento cautelare figurano in particolare due sorelle, una delle quali col ruolo di promotrice ed organizzatrice dell’associazione. Gli associati gestivano i proventi della prostituzione lasciando alle prostitute solo il 50% del guadagno complessivo. Le due sorelle coordinavano l’attività degli altri partecipi, ognuno con compiti ben precisi, tra i quali quelli finalizzati a raggiungere un maggior numero di clienti mediante pubblicazione di annunci online, quello di offrire supporto tecnico alle prostitute per migliorare le immagini abbinate ai profili presenti nei vari annunci, quello di fornire indicazioni circa le più efficaci modalità di approccio telefonico col cliente in modo da far divenire sempre più assidue le visite dei clienti stessi presso le abitazioni. Ancora, uno degli associati curava il periodico spostamento delle prostitute da una casa all’altra e vigilava presso una delle abitazioni per evitare che potessero insorgere problematiche con la clientela.

Le prostitute, tutte di nazionalità straniera, venivano collocate dagli associati all’interno degli immobili di volta in volta reperiti per essere destinati all’attività illecita ed attrezzati proprio per le esigenze legate al meretricio. A seconda della tipologia di prestazione richiesta e della zona di provenienza del cliente. quest’ultimo veniva indirizzato, principalmente dalle due sorelle, verso l’una o l’altra abitazione. Quando il cliente non conosceva la zona da raggiungere gli venivano fornite, a telefono, dettagliate informazioni utili a raggiungere l’abitazione dove avrebbe dovuto incontrarsi con una o più donne dedite alla prostituzione.

giovedì, 3 Giugno 2021 - 10:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA