Comunali, Maresca scrive il suo manifesto: «Napoli non ha bisogno di chi l’ha distrutta». FdI e Fi pronti a scaricarlo

Il magistrato Catello Maresca (foto Kontrolab)

Mentre Forza Italia e Fratelli d’Italia prendono sempre più le distanze dalla candidatura di Catello Maresca dopo l’uscita del magistrato in aspettativa contro i partiti, e virano il loro impegno elettorale verso il candidato di FdI Sergio Rastrelli, l’ex giudice della Dda scrive il proprio ‘manifesto’ che a breve, come anticipa l’agenzia Ansa, sarà pubblicato sul suo blog. Nella sua lettera aperta Maresca ribadisce il proprio impegno da civico e dà il varo ufficiale al ‘Progetto per cambiare Napoli’ che si fonderà sull’appoggi delle associazioni che sostengono la sua corsa per Palazzo San Giacomo. Un progetto civico e inclusivo, scrive, che «vuole spazzare via 30 anni di immobilismo ed affarismi lobbistici ai danni dei napoletani».

«Da 30 anni – scrive – a Napoli la classe politica analizza i mali della città e indica cure che non somministra o spesso addirittura certe cure si sono rivelate peggiori dei mali. Da 30 anni Napoli è una città ferma, immobile. Da 30 anni non succede nulla a Napoli su questioni fondamentali come lavoro,  qualità della vita, servizi pubblici, sicurezza urbana, decoro, sviluppo, cultura, turismo e mille altre emergenze irrisolte. Trenta anni di immobilismo nella vita di una grande metropoli sono un’eternità. Così Napoli è stata condannata all’irrilevanza. Ma come possiamo noi napoletani consentire che la nostra città, la nostra Napoli che ha sempre avuto un ruolo vitale nella storia dell’Occidente anche come ponte culturale ed ideale con altre civiltà dell’altra sponda del Mediterraneo, sia oggi conosciuta come la città di Gomorra, della camorra, della disoccupazione, della monnezza e di altri luoghi comuni? Come possiamo noi assistere inermi mentre uccidono il futuro nostro e dei nostri figli che a migliaia  lasciano Napoli per inseguire altrove i loro sogni, per coltivare altrove le loro ambizioni o anche solo per non voler vivere in un contesto che non amano più?».

 «La mia candidatura a sindaco di Napoli- prosegue Maresca – è nata per provare ad unire quanti vorrebbero cambiare questo racconto di inesorabile ed ineluttabile declino. Mi candido per amore di Napoli, vorrei poter fare qualcosa di vero e serio per la città che amo. Non sono un uomo solo, c’è al mio fianco una squadra di persone che hanno il mio stesso sogno che credo sia il sogno di molti di noi: cambiare Napoli, riportarla dove era, protagonista in Italia e nel mondo. Chi vuole che Napoli rimanga così com’è ci ha già calato da Roma il suo candidato. Non è una cattiva persona ma non è autonomo, dovrà rispondere ai desiderata e agli ordini dei partiti romani che l’hanno imposto. Ed asseconderà la solita storia, già scritta, già vista negli ultimi 30 anni. Napoli non ha bisogno di questo teatrino dei partiti, dei minuetti dei politici che dopo averla distrutta questa città oggi addirittura si candidano a ricostruirla. Siano davvero al teatro dell’assurdo. E allora il tempo davvero stringe. La corazzata della sinistra di potere è già al lavoro per bloccare ogni tentativo di cambiare. In queste settimane di campagna elettorale, ovunque incontro cittadini che chiedono risposte e desiderano vicinanza e coerenza da parte delle istituzioni. Non è questo il momento delle divisioni, dei pregiudizi ideologici, delle prese di posizione personali che nulla hanno a che vedere col futuro di Napoli».

martedì, 29 Giugno 2021 - 12:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA