Mafia, blitz contro il clan siculo-americano: 10 arresti. Il retroscena: gli incontri in villa con i boss Usa in visita


Undici misure cautelari colpiscono la famiglia mafiosa di Torretta è il risultato dell’operazione dei carabinieri del Comando provinciale di Palermo, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo siciliano. Le accuse, nei confronti degli indagati (9 in carcere, uno ai domiciliari, uno con obbligo di dimora), sono a vario titolo di associazione di tipo mafioso, detenzione di stupefacenti, favoreggiamento personale e tentata estorsione con l’aggravante del metodo mafioso. 

L’indagine colpisce la famiglia mafiosa di Torretta del mandamento di Passo di Rigano, radicata in questo paesino di 4mila anime da sempre considerata roccaforte mafiosa con estensioni che arrivano a New York e alla criminalità sicula di stanza nella Grande Mela.

La famiglia mafiosa di Torretta in passato si è distinta, tra l’altro, per il ruolo dei suoi esponenti quali garanti per il rientro in Italia dei cosiddetti ‘scappati’, ossia la fazione sconfitta e ostracizzata dai corleonesi di Totò Riina al termine della seconda guerra di mafia.

Le indagini
Dalla corposa ordinanza di arresti emerge che la famiglia mafiosa di Torretta esercitava la propria influenza in settori tra i più disparati: dall’edilizia all’agricoltura, dall’allevamento alla cosa pubblica. In questo ultimo caso, ad esempio, si rileva il tentativo di infiltrazione nell’amministrazione comunale al fine di amplificare il proprio monopolio estendendolo anche alle decisioni politico amministrative. Le indagini, spiegano gli investigatori dell’Arma, hanno consentito di «oglierne la capacità di inserirsi forzatamente nel tessuto economico locale con l’imposizione delle sensalerie nelle compravendite e attraverso il diretto intervento nelle dinamiche di compravendita degli animali e dei terreni».

Inoltre è emersa anche «la capillare ingerenza» nelle dinamiche relative alle commesse di lavoro pubbliche e private a Torretta e nei limitrofi comuni di Capaci, Isola delle Femmine e Carini, oltre che in alcuni quartieri di Palermo. Ricostruiti anche i tentativi di infiltrarsi, prima del commissariamento avvenuto nell’agosto del 2019 nella locale amministrazione comunale, tuttora commissariata, e di indirizzare le relative decisioni amministrative, di modificare l’esito delle elezioni comunali, fornendo, nel corso delle elezioni amministrative del 2018, supporto ai candidati di schieramenti opposti.

Palermo- New York
Esisteva un asse fortissimo tra la famiglia mafiosa di Torretta ed elementi apicali della Cosa Nostra newyorkese; un rapporto solido, un legame persistente capace, scrivono gli inquirenti, di «condizionare, attraverso propri emissari, gli assetti criminali torrettesi» e, dall’altro, «essere fonte di tensioni in occasione dell’omicidio del mafioso newyorkese Frank Calì, esponente apicale della famiglia Gambino di New York». L’attività d’indagine ha permesso di ricostruire la missione a Palermo, alla fine del mese di settembre del 2018, di un emissario di Cosa nostra d’Oltreoceano, accolto dai vertici della famiglia mafiosa di Torretta.

Alla fine di settembre del 2018, infatti, un emissario di Cosa nostra d’Oltreoceano arrivò a Palermo, accolto con tutti gli ‘onori’ dai vertici della famiglia mafiosa di Torretta. «La permanenza dell’uomo – spiegano gli investigatori del Comando provinciale dei carabinieri di Palermo – è stata garantita, tra gli altri, dai fratelli Puglisi (due imprenditori edili di Torretta, ndr) che, dividendosi i ruoli, si sono occupati di prenderlo in aeroporto e di garantirne il soggiorno in una lussuosa villa con piscina di Mondello, dove gli è stato fatto dono di alcuni grammi di cocaina in segno di benvenuto».

Nel periodo trascorso sull’isola, l’emissario dei boss Usa partecipò, il 3 ottobre del 2018, a una riunione con Raffaele Di Maggio, a capo della famiglia mafiosa di Torretta, nell’abitazione di quest’ultimo a Torretta e a un secondo incontro riservato nella zona di Baucina. Lo stretto legame tra il clan e i boss d’oltreoceano è testimoniato da un altro episodio. Nei giorni successivi all’omicidio di Frank Calì, capo della famiglia dei Gambino, avvenuto a Staten Island (New York) la sera del 13 marzo 2019 il figlio di uno degli indagati partì per gli Stati Uniti. Rientrato dal viaggio, riferì «il clima di profonda tensione creatosi sulla sponda americana – dicono ancora gli investigatori dell’Arma -. Contestualmente, a Torretta si registravano i commenti ‘di prima mano’ di alcuni degli indagati che conoscevano personalmente Frank Calì e che, in un primo momento, avevano temuto che l’episodio potesse generare una pericolosa escalation di violenze nella quale rischiavano di rimanere direttamente coinvolti anche altre persone a lui vicine, attive nel contesto mafioso americano».

“Le indagini restituiscono una rinnovata vitalità della famiglia mafiosa di Torretta che, forte dei suoi legami con gli affiliati americani e della ritrovata autorevolezza dei vertici del mandamento, puntava a ritornare ai fasti del passato, ergendosi nuovamente a testa di ponte fra le due anime di Cosa nostra, quella siciliana e quella d’oltremare, da sempre costituenti due facce di una stessa medaglia”. A dirlo sono gli investigatori del Comando provinciale dei carabinieri di Palermo.

I conflitti
Nella famiglia mafiosa di Torretta, storica roccaforte di Cosa nostra, c’era una «costante, sebbene incruenta, conflittualità interna». Ai vertici c’era Raffaele Di Maggio, figlio dello storico boss Giuseppe detto ‘Piddu i Raffaele’ morto nel gennaio 2019, aiutato da Ignazio Antonino Mannino, anche lui con funzioni direttive e organizzative, e da Calogero Badalamenti, affiliato a cui era stata affidata l’area di Bellolampo. Ma l’attività investigativa ha fatto emergere anche i ruoli di Lorenzo Di Maggio, detto ‘Lorenzino’, scarcerato nell’agosto del 2017 e sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno a Carini; Calogero Caruso, detto ‘Merendino’, anziano affiliato e già figura di vertice della famiglia mafiosa di Torretta, sotto il quale si andava accreditando il nipote Filippo Gambino; e Calogero Christian Zito, affiliato alla famiglia monitorato in numerosi spostamenti tra la Sicilia e gli Usa.

Le indagini hanno consentito di delineare la struttura della famiglia mafiosa di Torretta e di individuare anche «i canali di comunicazione con gli esponenti di vertice del mandamento mafioso di Passo di Rigano, cristallizzandone le funzioni e definendone le modalità di interazione con le paritetiche realtà mafiose urbane», spiegano gli investigatori dell’Arma.

mercoledì, 14 Luglio 2021 - 09:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA