Omicidio del sindaco-pescatore, Commissione antimafia ad Acciaroli. Vassallo: «E’ la forza dello Stato»

Il sindaco Angelo Vassallo morto ammazzato

Il 23 luglio la commissione parlamentare antimafia farà tappa ad Acciaroli (Salerno) per approfondire il caso dell’omicidio del sindaco Angelo Vassallo, avvenuto il 5 settembre 2010 e ad oggi ancora irrisolto.

Il gruppo coordinato dal parlamentare Luca Migliorino sta ispezionando tutti gli elementi istruttori per provare a giungere alla verità prima che decorrano i tempi della prescrizione. Per Dario Vassallo, presidente della Fondazione e fratello del sindaco pescatore si tratta di «un’attenta attività d’indagine, già condotta in maniera autonoma dal Parlamento. E’ una cauta speranza. Occorre far luce sulla verità e mantenere alta l’attenzione, prima che decadano i termini della prescrizione. E’ una corsa contro il tempo, per Angelo, per il Cilento e per uno Stato di diritto che tuteli la legalità».

Leggi anche / L’omicidio di Angelo Vassallo

Una verità per Vassallo lotta da anni; già nel 2019 è approdato in commissione parlamentare antimafia dove è stato ascoltato per ore dai parlamentari in una seduta plenaria, mettendo a verbale 430 pagine di memorie. «La venuta ad Acciaroli della Commissione Antimafia documenta la forza dello Stato che, quando opera al pieno delle sue funzioni – insiste Dario Vassallo – e nel pieno delle sue forze, dimostra che non ce n’e’ per nessuno e non arretra davanti a niente, perché’ è fondamentale arrivare alla verità, non solo per noi ma per un Paese intero».

venerdì, 16 Luglio 2021 - 09:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA