“Tutti in campo con Maresca”, Rinascimento P. convoca ex calciatori (anche del Napoli) per un quadrangolare

catello maresca riccardo guarino
Il magistrato Catello Maresca, a destra il presidente di Rinascimento Partenopeo Riccardo Guarino e a sinistra Ivan Simeone, socio di Rinascimento

“Tutti in campo con Maresca”: è il motto, sportivo e politico, che ha accompagnato il quadrangolare di calcio che si è disputato l’altro ieri sera (28 luglio) ai Campi Marasca, in via Camaldolilli a Napoli. L’evento amichevole è stato organizzato da ‘Rinascimento Partenopeo’, l’associazione presieduta da Riccardo Guarino e schierata al fianco di Catello Maresca nelle elezioni comunali di Napoli, e ha visto come ospite d’eccezione proprio il magistrato, che ha firmato anche un rigore.

All’iniziativa, cui hanno lavorato i responsabili della commissione Sport di Rinascimento (Marco Dello Russo, Alessandro Musella e Guarino) e Maurizio Lezzi e che è stata resa possibile grazie all’ospitalità dei titolari dei Campi Marasca (Marco Brasiello, Santino Smedile e Fabio De Rosa), hanno partecipato ex calciatori di serie A e di serie minori. In campo sono scesi Emanuele Calaiò, Floro Flores e Nicola Mora, tutti ex calciatori che hanno militato anche nel Napoli, nonché Simone Farelli, ex terzo portiere della Roma.

La vittoria è stata conquistata, a colpi di goal, dalla squadra ‘White’ composta da ex calciatori che hanno militato in serie minori e che amano definirsi ‘scugnizzi’: nella rosa Salvatore Moriello, Pierangelo Pastore e l’avvocato Fabrizio Buccella. L’evento ha voluto cementare l’unione tra Rinascimento Partenopeo e Catello Maresca, ponendo l’accento sull’importanza dello sport come occasione di integrazione e inclusione sociale.

«La serata è stata fantastica come lo sono tutti gli eventi con il calcio posto al centro, e per questo un ringraziamento va ai titolari del campo e a Maurizio Lezzi – commenta il dottore Marco Dello Russo – Il calcio riesce a unire tutti, persino persone che sono calciatori professionisti e altre che invece tirano calci a un pallone per puro divertimento. Il calcio è una livella».

Gli fa eco l’avvocato Guarino: «Momenti di aggregazione come questi vanno sponsorizzati tra i giovani: il calcio e, in generale lo sport, devono tornare a essere centrali dell’impegno di governo della prossima amministrazione comunale, cui tocca puntare sull’ammodernamento degli impianti sportivi comunali e sulla valorizzazione di ogni disciplina in grado di favorire la socialità e la crescita dell’individuo».

venerdì, 30 Luglio 2021 - 10:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA