No vax, primo indagato per istigazione alla disobbedienza alle leggi Covid. Sui social scriveva: «Il vaccino è brodaglia»


Lo scorso 24 agosto, sul suo gruppo facebook “Cremona Ancor”, raccontava di essere stato convocato in Questura a seguito della denuncia «di qualcuno di voi». Pochi giorni dopo, la notizia che D.D., pensionato di 66 anni con convinte idee no vax che sbandiera dalle proprie pagine social da tempo, è stato indagato dalla Procura cremonese proprio per avere diffuso quelle sue opinioni ha fatto presto il giro dei media nostrani. L’uomo ha un primato: è il primo indagato in assoluto per «istigazione alla disobbedienza delle leggi, di ordine pubblico, in vigore a tutela della salute pubblica nel periodo di emergenza pandemica da Covid-19».

Ma in che modo D.D. istigava a disobbedire alle leggi anti-Covid? Secondo il pm Lisa Saccaro, incaricata delle indagini, il 66enne avrebbe contribuito a diffondere idee negazioniste approfittando di una vasta platea social. Tra le frasi che il magistrato sottolinea in rosso e che fanno parte del ‘curriculum’ no vax dell’indagato, alcune sono dedicate alle mascherine, definite «causa di lento ed inesorabile suicidio». Altre sui numeri delle vittime del Covid, ritenuti falsi; altre ancora «che descrivevano i metodi  diagnostici della malattia come bufale create da una medicina che prende in giro tutti gli italiani». I vaccini, infine, per D.D. sono «brodaglia».

Un campionario di opinioni non diverse da quelle che ogni giorno vediamo scorrere sulle bacheche di Facebook senza alcun filtro o mediazione. L’uomo, cui l’avviso di conclusione indagine è stato notificato ieri, ha commentato sempre dai social: «A mio parere ci troviamo  di fronte ad una caso più unico che raro dove una persona viene portata in Tribunale per avere espresso delle opinioni, un fatto contemplato dalla nostra Costituzione.  Se mi accusano di aver commesso un delitto per quelle frasi, mi pare che siano  accuse estremamente leggere, sottili. Tutti gli italiani allora potrebbero essere, d’ora in poi, accusati».

giovedì, 26 Agosto 2021 - 11:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA