Letta (Pd) a Napoli ‘benedice’ Manfredi: «Sicuro di un risultato straordinario»


Un tour tra le strade di Napoli e in alcuni luoghi simbolo culturale della città. Enrico Letta, segretario del Partito Democratico, è arrivato nella più grande città del Sud per ‘abbracciare’ il candidato del centrosinistra e del Patto per Napoli siglato da Pd e Movimento Cinque Stelle, Gaetano Manfredi. Una passeggiata in cui non è mancato un momento di tensione per la presenza di un picchetto di attivisti di Potere al Popolo, lista che alle elezioni sostiene la candidata Alessandra Clemente, ma che Letta e Manfredi hanno dribblato. Il segretario Dem e l’ex rettore della Federico II hanno percorso alcune vie del centro storico per poi visitare il Complesso Museale Santa Maria Anime del Purgatorio. 

Usciti dal complesso.museale, c’è stato un cambio di percorso: in piazza San Gaetano, dove era previsto un punto stampa, i rappresentanti di Potere al Popolo hanno dato vita a una manifestazione di protesta contro il Pd. Pertanto segretario e candidato si sono diretti prima in vista alla chiesa di Santa Luciella in via San Biagio dei Librai. 

Giunti alla seconda tappa del tour, hanno incontrato le associazioni che si occupano di Santa Luciella che hanno illustrato il progetto di restauro. Dopo un breve incontro con alcuni dei candidati in piazza San Gaetano, ormai liberata dai manifestanti di Potere al Popolo, la passeggiata è proseguita per via dei Tribunali fino ad arrivare a Forcella.  Ad accoglierli, la preside della scuola ‘Ristori’, Stefania Colicelli. Nel rione, Letta e Manfredi hanno fatto tappa a Piazza Forcella, lo spazio comunale dove ha sede la biblioteca dedicata alla memoria di Annalisa Durante, vittima innocente della camorra. Ad accompagnare il segretario nel tour c’erano anche il.presidente del PD Napoli, Paolo Mancuso, e il segretario provinciale del PD, Marco Sarracino.

«Per Napoli – ha detto Letta – è un momento storico. Queste del 2021 sono le più importanti di tutte le elezioni che siano mai state fatte a Napoli perché nei prossimi cinque anni ci saranno a disposizione le risorse dell’Europa mai avute così fino a oggi. Napoli deve tornare capitale europea. Dobbiamo rimetterla lì dove deve stare e dove non è stata in questi anni. Gaetano è una persona straordinaria che ha deciso di spendersi per la sua città, per me e per tutti noi». «Sono sicuro – ha aggiunto – che Il volto di Gaetano riuscirà a passare in ogni ambito della città sociale e culturale e il risultato di Napoli sarà straordinario».

«Per vincere la sfida – ha aggiunto Manfredi – abbiamo bisogno del popolo ma anche della.politica nazionale e di una grande filiera istituzionale con Roma, Bruxelles e con la Regione Campania. Per troppo tempo Napoli è stata dimenticata e i napoletani non lo meritano».

martedì, 21 Settembre 2021 - 10:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA