De Luca dichiara guerra ai monopattini: «Troppe teste di sedano senza casco». Sarà vietato sui Lungomare e nei parchi


Un uso spesso «irresponsabile e criminale» dei monopattini che richiede una stretta da parte dei sindaci. In una lettera inviata a tutti i sindaci della Campania il governatore Vincenzo De Luca spara a zero contro chi usa il monopattino, a quanto pare modello di mobilità sostenibile del terzo millennio, in maniera da violare sistematicamente il Codice della Strada. Mezzo di trasporto su due ruote ‘pompato’ dagli incentivi del Governo Conte e diventato moda diffusa, il monopattino a causa di alcune lacune ancora presenti nel Codice della Strada può, se essere utilizzato in maniera incauta.  

Nella lettera di de Luca viene «segnalata l’esigenza di presidiare l’osservanza delle norme del codice della strada che regolano la circolazione dei monopattini troppo spesso inosservate». «Oltre alle norme previste, nella nota si allega un provvedimento tipo in relazione a quella che sta diventando una vera emergenza e alla necessità di garantire la sicurezza stradale ai cittadini, agli automobilisti e agli stessi conducenti dei monopattini» si spiega.

Tra i punti di competenza dei Comuni, viene segnalata la «necessità di inibire la circolazione nelle strade cittadine più a rischio, l’obbligo del casco anche per i maggiorenni, limitazioni di velocità, obbligo dopo il tramonto (già previsto dalle norme nazionali) di dotazione di dispositivi di segnalazione luminosa».

«L’uso dei monopattini è diventato in qualche caso un uso irresponsabile e quasi criminale» ha dichiarato De Luca annunciando l’adozione di un provvedimento tipo e chiedendo che i sindaci «approvino in tempi rapidi i regolamenti comunali».  «C’è un’emergenza – ha affermato il governatore campano – e quindi abbiamo aperto questo capitolo per affrontare il tema con il massimo di rigore e dare una stretta. Vedere queste teste di sedano che camminano senza casco  – ha aggiunto – e in qualche caso senza neanche la luce per la segnalazione del monopattino, senza neanche i catarifrangenti, è una cosa francamente insopportabile».

Nessuno dunque in Campania  potrà più circolare sul monopattino senza il casco e senza almeno la segnalazione luminosa con catarifrangente o luci di posizione in città. Il provvedimento inoltre vieterà di circolare  nei luoghi frequentati dai pedoni, sui lungomari, nelle ville comunali, nei giardini.

giovedì, 23 Settembre 2021 - 18:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA