Green Pass sui luoghi di lavoro, monitorati anche i porti di Napoli e Salerno

Porto Napoli

Attenzione anche nei porti della Campania per il D-Day della certificazione verde obbligatoria per i lavoratori. Non si segnalano, al momento, problemi relativi all’introduzione dell’obbligo di Green pass al porto di Napoli. Situazione sotto controllo in uno scalo dove, come confermano le sigle di categoria, la grande maggioranza dei lavoratori è vaccinata. Al momento nessun disagio e nessuna protesta

 Nel porto di Salerno non si registrano problemi o fibrillazioni. Nel primo giorno in cui il green pass è diventato obbligatorio, la situazione è sotto controllo. Da quanto si apprende, nello scalo salernitano è tutto regolare e si registra soltanto qualche coda per l’accesso in alcune aziende a causa di lettori lenti per la verifica del green pass. Secondo quanto riferito da fonti sindacali, nel porto di Salerno la maggioranza dei lavoratori è vaccinata mentre la restante parte otterrà il green pass tramite tampone.

Leggi anche / “Green caos”, è il D-Day del certificato verde obbligatorio per i lavoratori: Italia a rischio paralisi per le proteste

Nessun disagio, andando alle grandi aziende, per i lavoratori dello stabilimento Stellantis di Pomigliano d’Arco nel primo giorno di Green pass obbligatorio esteso a tutti i lavoratori pubblici e privati. Le tute blu addette al primo turno di lavoro, infatti, hanno varcato i cancelli muniti di certificazione verde da poter esibire in caso di richiesta.  I controlli sono stati effettuati a campione ed i lavoratori selezionati sono stati fatti accomodare in un’apposita sala interna dove hanno potuto esibire il proprio green pass in completa privacy. Nessun disagio nemmeno al varco 1, riservato agli autotrasportatori e ai grossi fornitori, obbligati a esibire la certificazione verde al pari dei dipendenti.

venerdì, 15 Ottobre 2021 - 09:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA