Maradona, la leggenda dello scugnizzo rivive in una mostra-museo a Pollena Trocchia: 3 giorni di eventi

Foto Kontrolab

Ad un anno esatto dalla prematura scomparsa del più grande calciatore al mondo, nonché animo ribelle e baluardo del riscatto dei deboli dai soprusi dei tiranni, il Napoli Club di Pollena Trocchia e L’Associazione A.C.A.N. Vignati, con il patrocinio del Comune della cittadina alle falde del monte Somma e la collaborazione della locale Proloco e dell’associazione Vesuviani in Cammino, organizza una tre giorni dedicata a Diego Armando Maradona.

Villa Cappelli, nel cuore del borgo antico di Pollena Trocchia, ospiterà – dal 25 al 27 novembre – “LA LEGGENDA DI UNO SCUGNIZZO”, una mostra-museo: ai visitatori sarà presentata la raccolta di innumerevoli cimeli del Pibe de oro direttamente dalla collezione della Famiglia Vignati che da anni custodisce ed onora l’amore non solo per il calciatore ma anche e soprattutto per un uomo piccolo dal cuore grandissimo.
Scritti, trofei, divise e tante altre testimonianze faranno da cornice ad eventi di cultura e spettacolo da non perdere.

Sulle pagine social del Napoli Club Pollena Trocchia si può trovare il programma completo della manifestazione che annovera ospiti illustri del mondo istituzionale, sociale ed artistico, propone degustazioni delle tipicità locali messe a disposizione dalle diverse eccellenze produttive della zona che hanno coadiuvato lo staff organizzativo nella realizzazione di questo evento che travalicherà i confini continentali con la presenza di una delegazione del Consulado Boca Juniors a dare un tocco sudamericano alla manifestazione.

La mostra avrà una valenza formativa, grazie anche all’adesione della dirigenza scolastica dell’ I.C. Donizetti e la collaborazione dell’ Istituto Alberghiero U. Tognazzi, le scuole primarie e secondarie del territorio, infatti, nelle mattinate del 25 e 26 oltre a visitare il museo, saranno impegnate in incontri-dibattiti con psicologi, operatori sociali, storici ed esperti in disagi giovanili sui temi che vanno dal riscatto sociale dei popoli di cui l’uomo Maradona è diventato simbolo, ai valori positivi dello sport in antitesi ai quelli presentati dai modelli devianti dei social e del successo facile, alle problematiche legate al bullismo ed all’inclusione di ogni soggetto all’interno della società moderna.

Non mancheranno momenti di alta cultura con la presentazione di diversi volumi ispirati al D10S del calcio:
“IL VANGELO SECONDO DIEGO” che fra gli autori annovera grossi nomi fra i quali spicca quello del Cardinale Crescenzio Sepe, “TE DIEGUM” e “A TAVOLA CON MARADONA”

Hanno aderito al progetto personaggi del calibro di Gino Rivieccio, Decibel Bellini, Gennaro Imperatore (ex garante dell’infanzia), Faustino Canè.

sabato, 20 Novembre 2021 - 08:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA