Scuola, De Luca invoca la Dad: «Un mese di tempo per vaccinare gli alunni, no a discriminazioni»

Scuola

No al ritorno a scuola per i soli alunni vaccinati, sì invece alla Dad per tutti per un mese intero. Dai suoi profili social il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca disegna lo scenario che vorrebbe venisse adottato dal Governo centrale in questo clima di aumento dei contagi.

«Sento circolare l’ipotesi di tenere a casa i bambini non vaccinati. Mi sembrerebbe una misura tanto odiosa e discriminatoria, quanto ingestibile», esordisce De Luca.

Poi l’affondo, che già ha messo in fibrillazione i social network: «Nel quadro attuale di diffusione del contagio fra i giovanissimi, mi parrebbe una misura equilibrata e di grande utilità il semplice rinvio del ritorno a scuola. Prendere 20/30 giorni di respiro, consentirebbe di raffreddare il picco di contagio – che avrà a gennaio probabilmente un’altra spinta – e di sviluppare, in questi giorni, la più vasta campagna di vaccinazione possibile per la popolazione studentesca. Non sarebbe di certo una misura ideale, ma consentirebbe di riprendere a breve le lezioni in presenza con maggiore serenità per gli alunni, per le famiglie, per il personale scolastico».

lunedì, 3 Gennaio 2022 - 14:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA