Camorra, assoluzione cancellata per i boss dei Casalesi: 4 ergastoli in Appello per un duplice delitto del 1988

Bossolo

La Corte d’Assise d’Appello di Napoli ha condannato all’ergastolo per il duplice omicidio di Raffaele Diana e Nicola Martino, avvenuto a San Cipriano d’Aversa (in provincia di Caserta) nel 1988, i boss del clan dei Casalesi Francesco Schiavone alias ‘Sandokan’, il cugino Francesco Schiavone ‘Cicciariello’, Francesco Bidognetti alias ‘Cicciotto ‘e Mezzanotte’ e Vincenzo Zagaria.

Pene più contenute – 15 anni di carcere – sono state inflitte ai collaboratori di giustizia Dario De Simone, Luigi Diana e Giuseppe Quadrano.

Sostieni la nostra informazione, puoi fare la differenza: campagna di crowdfunding per l’edizione 2022 di Giustizia News24. Ecco come fare

In primo grado i capi del clan casertano erano stati assolti dalla Corte d’Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, ma la Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli aveva fatto appello.

Il duplice delitto è maturato nell’ambito della sanguinosa faida interna al clan dei Casalesi che scoppiò dopo l’uccisione del fondatore della cosca Antonio Bardellino, con i suoi ex luogotenente, in particolare i due Schiavone e Bidognetti che avviarono una caccia agli esponenti del clan rimasti fedeli a Bardellino, tra cui appunto Diana e Martino.

venerdì, 25 Febbraio 2022 - 21:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA