La strage in famiglia che ha scosso il Varesotto, l’architetto dei locali vip uccide a martellate moglie e figlia. Grave Nicolò

strage famiglia maja
Alessandro Maja ha ucciso la moglie Stefania Pivetta e la figlia Giulia

E’ una comunità sotto choc quella di Samarate, comune di 16mila abitanti in provincia di Varese. Qui, nella giornata di ieri (mercoledì 5 maggio), Alessandro Maja, architetto di 57 anni, ha ammazzato nel sonno la moglie Stefania Pivetta, 56 anni, e la figlia Giulia di 16 anni. Il figlio 23enne Nicolò è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Varese. Una strage familiare.

E tutto perché Alessandro Maja non voleva accettare la separazione e la volontà della moglie di rifarsi una vita. In ospedale (a Busto Arsizio) è ricoverato, per atti autolesionistici (aveva segni sui polsi e sull’addome), anche Maja, arrestato con l’accusa di duplice omicidio aggravato e tentato omicidio.

Leggi anche / Uccisa a Napoli con 12 coltellate mentre il bimbo di 3 anni dormiva nella stanza accanto, il pm: «Ergastolo all’ex marito»

Da film horror, poi, la dinamica dell’omicidio. Il 57enne ha aggredito la moglie a martellate e le ha trapanato la testa. Una fine riservata anche ai suoi figli. Come ricostruito dai carabinieri del Comando Provinciale di Varese, il 57 enne ha colpito per prima la moglie Stefania, che riposava sul divano della sala: due colpi violenti e secchi alla testa che non le hanno lasciato scampo. Poi è andato in camera della figlia Giulia, che stava dormendo, e si è accanito su di lei. In ultimo si è scagliato contro Nicolò, che nel frattempo si è svegliato e ha iniziato a gridare, chiedendo aiuto. Una vicina ha sentito le urla e ha chiamato il 112, mentre due vicine di casa si sono precipitate alla porta della villetta dei Maja, dove hanno trovato il capofamiglia che, ricoperto di sangue, ha detto: «Li ho uccisi tutti».

Un orrore nell’orrore. Che nessuno poteva immaginare. Quella dei Maja sembrava una famiglia alla ‘Mulino Bianco’. Lui era un famoso architetto, con studio sui Navigli a Milano e progetti in Italia e all’estero: era specializzato in ristrutturazioni di bar e interior design. Stefania Pivetta si occupava, invece, della vendita di prodotti di bellezza. Famiglia perbene. Tra moglie e marito però qualcosa si era rotto, tanto è vero che Stefania aveva deciso di rivolgersi a un avvocato. Ma nulla lasciava presagire quanto accaduto, tanto è vero che, nonostante il matrimonio fosse arrivato al capolinea, Alessandro Maja e la donna condividevano ancora la stessa casa. Quella casa dove il 57enne ha deciso di sterminare la sua famiglia.

giovedì, 5 Maggio 2022 - 09:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA