Giappone, attentato all’ex premier: Shinzo Abe ferito durante un comizio, è morto. Arrestato l’attentatore


Era impegnato in un comizio a Nara, capoluogo dell’omonima prefettura, per la presentazione dei candidati locali alle elezioni per il rinnovo della Camera alta quando è stato sparato. L’ex premier del Giappone Shinzo Abe è rimasto vittima di un attentato: è morto in ospedale.

Arrestato anche il responsabile: si tratta di un ex militare della Forza di autodifesa marittima giapponese. Deve rispondere di tentato omicidio. L’attentatore, un 41enne di Naha, ha utilizzato un’arma di evidente fattura artigianale occultata in una borsa, come emerge dalle immagini che circolano sui media giapponesi. 

Il 67enne Shinzo Abe è stato il primo ministro politicamente più longevo nella storia del Giappone post-bellico, guidando molteplici governi tra il 2006 e il 2007, e di nuovo dal 2012 al 2020, quando ha rassegnato le dimissioni per motivi di salute. Promotore di una “normalizzazione istituzionale” del Paese, Abe si e’ battuto per il superamento del pacifismo costituzionale, ed ha promosso con convinzione il processo di rafforzamento delle capacità di difesa nazionale accelerato dall’attuale esecutivo. Il nome dell’ex premier è anche associato alla cosiddetta “Abenomics”: l’insieme di politiche economiche espansive e di riforma adottate dall’ex premier per tentare di superare lo stallo deflattivo della terza economia globale e rilanciarne la crescita

venerdì, 8 Luglio 2022 - 13:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA