Napoli, riciclaggio di denaro in cryptovalute: sgominata banda con base alla Sanità, 6 arresti

Esterno edificio della procura della repubblica di Napoli (foto Kontrolab)

Sei persone, quasi tutte legate da vincoli di parentela, sono indagate dalla Procura di Napoli nell’ambito di una indagine sul riciclaggio in cryptovalute di denaro che secondo gli inquirenti sarebbe frutto di attività illecite, come le truffe e l’evasione fiscale.

Lo riportano oggi Il Mattino e l’edizione napoletana di Repubblica. Lo scorso aprile i carabinieri, coordinati dall’ufficio inquirente partenopeo, hanno eseguito delle perquisizioni nel rione Sanità di Napoli, dove il gruppo operava, ipotizzando il reato di associazione a delinquere e riciclaggio. Gli investigatori hanno acquisito i dispositivi informatici che i sei indagati utilizzavano per le loro attività.

A capo del gruppo ci sarebbe un promotore finanziario di 36 anni che si sarebbe occupato di fare investimenti on-line per conto di clienti i quali gli consegnavano il denaro contante. L’attività investigativa trae origine da un’altra indagine dei carabinieri su una banda di falsari chiamata “Napoli Group”. Il 36enne, avvalendosi dell’anonimato garantito dal dark web, operava investimenti in cryptovalute e tratteneva per se il 5% delle quote investite. Ai suoi clienti restituiva codici grazie ai quali potevano fare acquisti sul web, anche loro in forma completamente anonima.

Leggi anche:
– Intrugli e terapie artigianali per curare cancro, indagati 2 pseudo medici: inchiesta partita dopo morte paziente
– Spaccio di coca e hashish nel Rione Salicelle, dieci arresti: i pusher guadagnavano migliaia di euro al giorno
– Maltempo Marche, per la mancata allerta meteo ai Comuni si indaga sulle telefonate di 5 funzionari della Regione
– Minaccia mamma e fratello in vivavoce coi carabinieri, 50enne in manette
– Hashish ‘travestito’ da avocado, 231 chilogrammi sequestrati a Casoria: in manette un incensurato di Nocera

giovedì, 22 Settembre 2022 - 10:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA