Riciclava il denaro della camorra, sequestrato il tesoro di un imprenditore. Per il fisco era nullatenente


Riciclava il denaro della camorra reinvestendolo: l’imprenditore Antonio Passarelli, residente a Bologna, è stato raggiunto da un provvedimento di sequestro del suo patrimonio. Un ‘tesoro’ da 290 milioni di euro composto da 12 società, 16 autoveicoli, 37 rapporti finanziari e 639 immobili e terreni nelle province di Napoli, Benevento, Caserta, Bologna, Ravenna, Latina e Sassari. Tutto sequestrato dalla guardia di finanza in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Sezione per l’Applicazione delle Misure di Prevenzione del Tribunale di Napoli, su proposta della Procura della Repubblica partenopea.

Secondo quanto emerso dalle indagini, l’imprenditore avrebbe avuto rapporti di contiguità con la camorra per la quale avrebbe riciclato, per molto tempo, i proventi attraverso fittizie intestazioni di beni (condotta, quest’ultima, accertata con sentenza di condanna definitiva). In particolare, il materiale probatorio acquisito nel corso delle indagini svolte dalle fiamme gialle di Bologna e di Napoli, corroborato dalle dichiarazioni di cinque collaboratori di giustizia, ha consentito di appurare come l’ imprenditore abbia agito in sinergia economica con esponenti di spicco di diversi clan camorristici (clan Puca, clan Di Lauro, clan degli Scissionisti, clan Mallardo, clan Verde e clan Perfetto), fungendone da catalizzatore degli interessi criminali in vari settori commerciali, primo fra tutti quello degli investimenti immobiliari.

Inoltre i lauti proventi sarebbero stati sottratti al Fisco e reinvestiti in operazioni commerciali ed edilizie. Le indagini economico-patrimoniali eseguite sull’ imprenditore e sui componenti del suo nucleo familiare hanno acclarato, nel periodo 1993-2021, «la totale assenza di redditi ovvero l’esistenza di redditi dichiarati del tutto irrilevanti e decisamente incongruenti rispetto alla cospicua disponibilità finanziaria, alla titolarità di numerose partecipazioni societarie e al vastissimo patrimonio immobiliare».

lunedì, 5 Dicembre 2022 - 10:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA