Afragola, consegnato all’Università Federico II di Napoli un complesso confiscato alle mafie ad Afragola

Federico II
L'Università Federico II

Un complesso immobiliare confiscato alla criminalità organizzata ad Afragola (in provincia di Napoli) è stato consegnato all’Università Federico II di Napoli nel corso di una cerimonia oggi al Viminale, alla presenza dei ministri dell’Interno Matteo Piantedosi e dell’Università e della Ricerca Anna Maria Bernini e del rettore dell’ateneo, Matteo Lorito. Il compendio, costituito da tre appartamenti e una villa di ampie dimensioni dotata di palestra, campi da calcio e tennis, è stato destinato dall’Agenzia nazionale per i beni sequestrati e confiscati alla criminalità all’ateneo partenopeo che lo utilizzerà per ospitarvi una “Urban Regeneration Factory”, con laboratori per attività di formazione finalizzate all’inserimento nel mondo del lavoro.

«Il contrasto alle mafie – ha commentato Piantedosi – si fa non solo grazie al lavoro quotidiano di magistratura e forze di polizia ma anche attraverso iniziative come questa, necessarie ad avviare processi di rigenerazione del tessuto urbano e sociale in aree complesse del nostro Paese. Progetti fondamentali per offrire nuove opportunità ai tanti giovani che rifiutano le logiche criminali per impegnarsi con passione nel costruire il futuro del loro territorio».

«Le Istituzioni – ha dichiarato da parte sua Bernini – hanno il dovere di recuperare i luoghi che finora erano a disposizione della criminalità e riconsegnarli alla comunità. Lo abbiamo fatto a Caivano e oggi lo facciamo ad Afragola. L’Università è protagonista di questo processo di riqualificazione che non è solo urbana, ma anche sociale. È un diritto della collettività riappropriarsi degli spazi, delle opportunità e del proprio futuro».

All’evento hanno partecipato il sottosegretario all’interno, Wanda Ferro, il Commissario straordinario di Governo per Caivano, Fabio Ciciliano e il direttore dell’Agenzia per i beni sequestrati alle mafie, Bruno Corda.

lunedì, 20 Maggio 2024 - 18:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA