Avvocato e fratelli uccisi a colpi di pistola nel Casertano, fermato un 53enne

I fratelli Marco e Claudio Marrandino

Li ha uccisi entrambi e non si capisce ancora bene perché. Un operaio di 53 anni ha ammazzato a sangue freddo fratelli Marco e Claudio Marrandino, di 40 e 29 anni, entrambi incensurati – erano molto noti a Cesa, di dove erano originari. Marco Marrandino, avvocato, era stato in passato anche presidente del Consiglio comunale, eletto con una lista civica, mentre il fratello era un imprenditore del settore edile.

È accaduto nel primo pomeriggio sabato 15 giugno, ad Orta di Atella in provincia di Caserta, in località Astragata, nei pressi dell’uscita dell’asse mediano. I fratelli Marrandino viaggiavano a bordo di una Bmw di colore bianco. Qui, in località Astragata, hanno discusso con un operaio originario di Cesa ma residente a San Cipriano d’Aversa: l’uomo era giunto a bordo di una Golf di colore grigio. In pochi istanti la discussione si è trasformata in duplice omicidio, con l’operaio che ha estratto una pistola e ha sparato ai fratelli Marrandino. Claudio è stato il primo ad essere colpito, il suo corpo è stato trovato all’interno dell’auto. Marco, invece, ha cercato di scappare e di chiedere aiuto: il suo corpo era all’esterno della macchina, aveva il cellulare in mano.

A scoprire i corpi è stato un equipaggio dei carabinieri che era di pattuglia proprio in quella zona e che ha sentito gli spari. I militari avrebbero anche visto l’assassino fuggire, dal numero di targa del veicolo in fuga sono risaliti al proprietario che – al momento dell’intervento dei carabinieri – era in ospedale. In un primo momento le modalità hanno fatto pensare ad un agguato di camorra, ma né le vittime, né il presunto assassino risultano avere legami con ambienti della criminalità organizzata. I carabinieri stanno vagliando l’ipotesi che vi fossero dei dissidi per questioni economiche.

Gli investigatori stanno sentendo persone per ricostruire la dinamica del duplice omicidio e per capire se tra i protagonisti di questa tragedia vi fossero delle relazioni pregresse e di che natura. Si

—->>> Segui gli aggiornamenti

sabato, 15 Giugno 2024 - 20:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA