Ponticelli, bimba contesa tra mamma e nonni paterni (genitori di un ras): 9 arresti. Madre picchiata per ritardi in visite


Quella bimba dovevano vederla. Era loro nipote e non avevano bisogno della regolamentazione di un Tribunale per stabilire se, come e quando farle visita e portarla con sé sottraendola alla madre.

A Ponticelli, quartiere alla periferia est di Napoli, si è consumata una storia di prevaricazione camorristica sulla pelle di una mamma e di una bambina che oggi ha tre anni. La bimba è figlia di un ras del clan De Martino, attualmente detenuto, e di una ragazza proveniente da un contesto diverso.

Quando il ras è finito in prigione, i nonni paterni hanno fatto ricorso alla violenza per pretendere visite, per prelevare la bimbina. E soprattutto hanno fatto ricorso alla violenza per “punire” la madre della piccola di visite saltate o di piccoli ritardi.

Una volta, ad esempio, la mamma della piccola è stata brutalmente picchiata per non avere accompagnato la figlia a casa dei nonni paterni. La donna aveva saltato l’appuntamento perché la figlia aveva mal di pancia. I nonni paterni non la presero bene. Raggiunsero la donna presso un negozio e la picchiarono.

Per questi episodi di violenza, nove persone sono state arrestate nella giornata di oggi in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Napoli. I nove indagati sono accusati, a vario titolo, di atti persecutori, lesioni personali e di detenzione e porto in luogo pubblico di armi, delitti aggravati dal metodo mafioso per aver fatto ricorso alla capacità d’intimidazione dell’associazione di tipo camorristico denominata clan De Martino, storicamente operante nell’area orientale di Napoli e, in particolare, nel quartiere Ponticelli.

Le indagini sono state condotte dai carabinieri della tenenza di Cercola. Durante l’attività investigativa sono stati documentati veri e propri cortei armati degli affiliati al gruppo camorristico in questione per scortare i nonni paterni in occasione dei quotidiani prelievi e delle riconsegne della bambina.

lunedì, 1 Luglio 2024 - 08:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA