Metro e bus fermi, l’ira di de Magistris: «Azione criminale, napoletani ostaggio
di un gruppo di lavoratori scellerati»

Luigi De Magistris
Luigi de Magistris

Parla di «azioni criminali» e annuncia «conseguenze gravi». E’ un de Magistris furibondo quello che appare dopo la protesta dei lavoratori della Samir. «E’ un’azione che non ha nulla a che vedere con rivendicazioni di diritti sindacali o altro – ha detto il sindaco di Napoli –  La protesta è stata oggetto del Comitato per l’ordine e la sicurezza che si è svolto in prefettura. Da parte di tutti i componenti del Comitato c’è la condivisione che si tratta di un’azione gravissima che non rimarrà priva di conseguenze sotto ogni punto di vista». «Andiamo avanti come un carro armato nella nostra direzione per la salvezza dell’azienda – ha concluso il primo cittadino – la salvaguardia dei lavoratori onesti e dei napoletani che ancora una volta per colpa di un manipolo di scellerati hanno subito un danno gravissimo che non è tollerabile»

mercoledì, 24 gennaio 2018 - 19:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA