Il plenum del Csm manda in pensione Davigo. Da sciogliere il nodo sulla carica di consigliere togato del Csm

L'ex pm di Mani Pulite Piercamillo Davigo

Piercamillo Davigo deve andare in pensione. Il plenum del Consiglio superiore della magistratura ha collocato a riposo l’ex pm di Mani Pulite in ragione del fatto che domani, 20 ottobre, il magistrato compirà 70 anni, limite massimo per restare in servizio. Dunque, da mercoledì Davigo non sarà più operativo. Il plenum del Csm ha approvato all’unanimità la delibera della quarta commissione che stabilisce il collocamento a riposo per raggiunti limiti d’età. 

«Con il collocamento a riposo – ha detto la togata di Area Elisabetta Chinaglia, relatrice della pratica approvata – si chiude un periodo lungo di esercizio delle funzioni giudiziarie di Davigo, sia requirenti, svolte in un contesto difficile, nel pool Mani Pulite, sia giudicanti, con un lungo periodo in Cassazione: un percorso svolto con elevata preparazione professionale, rigore, assoluta indipendenza e rispetto delle regole».

A prendere la parola in plenum è stato anche il togato di ‘Autonomia & Indipendenza’ (la corrente che Davigo ha fondato dopo avere lasciato in malo modo Magistratura indipendente) Giuseppe Marra: «E’ doveroso un ringraziamento per quanto fatto in oltre 42 anni di servizio: Davigo è stato protagonista di indagini contro la corruzione, ma si è anche occupato di criminalità organizzata, ricevendo minacce tanto da essere sottoposto a scorta. A detta di tutti, bravo, anzi bravissimo: avrebbe potuto fare il ministro, il sottosegretario, il parlamentare, avere incarichi di vertice in Authority, ma ha sempre rifiutato preferendo svolgere l’attività giudiziaria tenendosi ben lontano dalla politica e dai centri di potere». Marra ha anche ricordato l’impegno di Davigo nell’associazionismo giudiziario: «E’ stato presidente dell’Anm, di gran lunga il più votato a quelle elezioni, e ha denunciato le degenerazioni correntizie ben prima dello scandalo Palamara-Ferri. Ha contribuito a scrivere con disciplina e onore la storia della magistratura italiana».

Resta però un nodo da sciogliere e sulla quale, alle 16 di oggi, è ancora in corso la seduta del plenum: va stabilito se Davigo decada anche dalla carica di consigliere togato del Csm, come sostiene la Commissione Verifica Titoli. 

lunedì, 19 Ottobre 2020 - 16:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA