Rivolta e incendio nel centro d’accoglienza, titolare spara: giovane africano colpito al volto

di Giancarlo Maria Palombi

E’ di un ferito grave e un arresto il bilancio dell’ennesima rivolta avvenuta all’interno di un centro di accoglienza per immigrati. Via Leonardo da Vinci, Gricignano d’Aversa. E’ qui, nel cuore della provincia di Caserta, che la scorsa sera un uomo ha aperto il fuoco con una pistola ferendo al volto un extracomunitario. La vicenda è stata ricostruita dai carabinieri della compagnia di Marcianise. Tutto ha avuto inizio quando un 19enne del Gambia, ospite della struttura, ha guidato una protesta all’interno del centro “La Vela”. Bobb Alagiee, questo il nome dell’extracomunitario, ha dato fuoco alla stanza in cui alloggiava perché da giorni “non gradiva cibo e condizioni di vita” all’interno della struttura. Il rogo, avvenuto nel primo pomeriggio di venerdì, ha causato l’evacuazione dei migranti alloggiati nello stabile interessato. In attesa dell’arrivo dei vigili del fuoco, come ricostruito dalle immediate indagini dei carabinieri della stazione di Gricignano e del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Marcianise, uno dei soci del consorzio che gestisce alcuni centri di permanenza temporanea in Campania, Carmine Della Gatta, 43 anni, dopo aver avuto un’animata discussione con Bobb Alagiee, ha esploso due colpi di arma da fuoco ferendo l’africano alla bocca. Successivamente si è allontanato a bordo di un’auto, guidata da un secondo uomo, facendo perdere le proprie tracce. Gli accertamenti dei militari dell’Arma  hanno consentito, anche grazie alle dichiarazioni rese da un testimone, di individuare, identificare e sottoporre a fermo il feritore. Soccorso da alcuni passanti e trasportato dal personale del 118 al pronto soccorso dell’ospedale San Giuseppe Moscati di Aversa, il 19enne del Gambia presentava il proiettile bloccato tra le corde vocali ed è stato intubato per poi essere trasferito all’ospedale Cardarelli di Napoli a causa delle sue gravi condizioni. La successiva perquisizione nell’abitazione del 43enne ha permesso di rinvenire e sottoporre a sequestro 4 fucili e 2 pistole tutti legalmente detenuti. I carabinieri, nei pressi del luogo della sparatoria, hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro un’ogiva conficcata nell’asfalto.

sabato, 11 novembre 2017 - 14:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA