Nascondeva hashish tra due assi di legno Ai domiciliari 41enne di Torre del Greco per detenzione ai fini di spaccio

di Dario Striano

Aveva escogitato un meccanismo molto particolare per nascondere la droga. Gennaro Izzo, classe 1976, aveva incollato, l’una all’altra, due tavolozze di legno e vi aveva ricavato all’interno un incavo sfruttato per celare 95 grammi di hashish. Poi aveva sistemato le ‘assi’ in un piccolo scantinato adiacente l’abitazione della madre. L’attività investigativa degli uomini del commissariato di polizia di Torre del Greco ha permesso però, dopo accurati controlli, il rinvenimento della sostanza stupefacente e così Izzo, residente nella città del corallo, è finito in manette nella tarda serata di lunedì 22 gennaio.
L’accusa è di detenzione di droga ai fini dello spaccio, reato ipotizzato per la presenza, all’interno dello sgabuzzino di corso Garibaldi controllato dagli agenti, di un bilancino di precisione, di diverse bustine di cellofan e di un coltello annerito con residui di sostanze stupefacenti utilizzato per tagliare e confezionare le dosi. L’uomo, dopo esser stato arrestato in flagranza di reato, è stato, stamattina, giudicato per direttissima al tribunale di Torre Annunziata.
Ai giudici ha spiegato di aver, sì, conservato della sostanza stupefacente nel box adiacente l’abitazione della madre, dove è attualmente residente, ma di servirsi della droga per uso personale. «Ho precedenti penali risalenti a più di 10 anni fa – ha detto l’imputato in aula – ma l’hashish rinvenuto è per uso strettamente personale».
Il collegio giudicante (presidente Fernanda Iannone), accogliendo la richiesta di convalida dell’arresto del pm Mariangela Magariello, ha confermato la misura dei domiciliari per il 41enne che, difeso dall’avvocato Luisa Faraone Mennella, ha chiesto di essere giudicato con rito abbreviato, formula che prevede lo sconto di un terzo della pena. L’udienza è stata fissata per la metà di febbraio.

martedì, 23 gennaio 2018 - 18:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA