Caso Consip, ‘processo’ ai pm di Napoli Stamani si apre l’udienza dinanzi al Csm per il procedimento disciplinare


Si apre questa mattina il procedimento disciplinare dinanzi al Csm a carico dei pm di Napoli Henry John Woodcock e Celeste Carrano per il caso Consip. I due pm sono accusati di aver violato i «doveri di imparzialità, correttezza e diligenza» perché «con inescusabile negligenza» hanno omesso di iscrivere sul registro degli indagati Vannoni, sentendolo invece come persona informata sui fatti «in assenza di difensore e con modalità tali – si legge nell’atto di incolpazione – da essere lamentate come non rispettose della sua dignita’ dallo stesso Vannoni». Al solo pm Woodcock è contestato l’aver tenuto «un comportamento gravemente scorretto», sia nei confronti del procuratore di Napoli, sia nei confronti dei pm della capitale per alcun virgolettati sull’inchiesta Consip riportati dal quotidiano Repubblica. A rappresentare la Procura generale della Suprema Corte sarà il sostituto pg Mario Fresa, mentre Woodcock sarà difeso da Marcello Maddalena, ex procuratore generale di Torino, oggi in pensione. Sia l’accusa che la difesa presenteranno una lista di testi da convocare davanti al ‘tribunale delle toghe’.

 

lunedì, 19 febbraio 2018 - 08:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA