Pd, candidati a loro insaputa nelle liste: condannato il consigliere Madonna Brogli nelle amministrative 2016 a Napoli

Valeria Valente
Valeria Valente

Aveva inserito, a loro insaputa, candidati nelle liste per le elezioni comunali del 2016. Li aveva inseriti, in particolare, in ‘Napoli Vale’, una delle liste civiche a sostegno di Valeria Valente, candidata a sindaco dal Partito Democratico. Il consigliere comunale del Pd Salvatore Madonna, che autenticò tutte quelle firme ritenute irregolari, ha patteggiato la pena per il reato di violazione della legge elettorale: il giudice per le indagini preliminari Sabella del Tribunale di Napoli gli ha inflitto sei mesi, con il beneficio della sospensione condizionale della pena. Gennaro Mola, compagno di Valeria Valente, dovrà invece tornare in aula a maggio per il processo.

giovedì, 22 febbraio 2018 - 17:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA