Roma, due anni fa il restauro della chiesa dove è crollato il tetto. La procura ipotizza il reato di disastro colposo


Di ipotesi sul crollo del tetto della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami a Roma «se ne potrebbero fare tanti» ma «è bene non avventurarsi con convinzione su nessuna». Il comandante dei vigili del fuoco di Roma Marco Ghimenti fa un’osservazione ragionevole e pacata. Alimentare sospetti, rincorrere fantasmi è uno sport che piace a molti ma non fa bene a nessuno. E, allora, si sceglie giustamente un basso profilo. La procura della Repubblica di Roma ha già aperto un fascicolo di inchiesta, come prevedibile, contestando il reato di disastro colposo. Indagati non ce ne sono, perché si attende la relazione informativa della procura.
Ma un dato è già fermo sulla carta. La chiesa di San Giuseppe dei Falegnami, che sorge sull’ex carcere Marmetino, era stata interessata da lavori di restauro appena due anni fa. Ora bisognerà capire cosa è accaduto. L’area è stata sequestrata. La Procura disporrà una consulenza tecnica per ricostruire quanto accaduto e verificare se ci siano state delle carenze nella manutenzione della struttura cinquecentesca. Quel che è certo è che ieri mattina si è evitata una strage. Se il tetto fosse crollato nella giornata di domani, si sarebbero contate altre vittime innocenti: domani si sarebbe dovuto celebrare un matrimonio, con 150 invitati.
Intanto prosegue il lavoro dei vigili del fuoco per coprire il tetto crollato: è necessario mettere in sicurezza sia la struttura che i beni artistici, soprattutto alla luce del fatto che a Roma potrebbe piovere. Si sta optando, nell’immediato, per un grande che possa da un lato mettere al riparo l’interno dell’edificio e dall’altro mettere in sicurezza la struttura.

—>> Sullo stesso argomento leggi anche: 
I danni provocati dal crollo: distrutto il soffitto a cassettoni intagliato in oro, danni alla Cappella Crocifisso
Su Roma leggi anche:
– Cucchi, la storia che imbarazza un pezzo d’Italia e di cui si fa fatica a parlare diventa un film e apre il festival di Venezia

venerdì, 31 agosto 2018 - 13:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA