Il Viminale diffonde i dati sui migranti: dimezzati i numeri del 2017, meno sbarchi ma la Libia resta crocevia di partenze

di Giancarlo Maria Palombi

Un calo sensibile, anzi un «crollo» come è stato definito dagli analisti del Ministero dell’Interno. Nei primi giorni del 2018, i dati del Viminale sono aggiornati ad oggi, i migranti sbarcati in Italia sono stati 4.723 dei quali 3.539 provenienti dalla Libia. Se si paragonano i dati allo scorso anno è evidente la differenza: 8.427 migranti sbarcati sulle coste italiane, di cui 8.049 provenienti dalla Libia. Il 2017 è stato l’anno della «ricollocazione», ovvero della redistribuzione dei richiedenti asilo arrivati lungo le «border line» dell’Europa, Italia e Grecia, nel resto dell’Ue. Un piano vittima di ostracismo dagli Stati del Nord, che per questo non ha raggiunto gli obiettivi prefissati. Dovevano essere 20mila i migranti arrivati in Italia e redistribuiti nel resto dell’Unione. Alla fine quelli coinvolti nel progetto sono stati 13.918. Anche se quelli effettivamente trasferiti sono stati 11.464 mentre per gli altri il procedimento è ancora in corso . I migranti «in fase di accoglienza» in Italia sono al momento 183.681. La distribuzione sul territorio è fatta in base alla popolazione delle singole regioni. La Campania, ufficialmente, ne conta poco più di 16mila.

lunedì, 5 febbraio 2018 - 14:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA