Elezioni Csm, giochi fatti per l’ala togata: ecco tutti gli eletti. I laici saranno eletti il 19 luglio dal Parlamento


Le operazioni di voto sono terminate. Dopo due giorni passati a scrutinare le 8mila schede infilate nell’urna da altrettanti magistrati (gli aventi diritto al voto erano 9500 toghe), il Consiglio superiore della magistratura si presenta con il suo nuovo volto. Almeno nella parte togata. Sedici gli eletti, 21 i magistrati scesi in campo in rappresentanza delle quattro correnti cui fa riferimento il mondo dei giudici e dei pm italiani.
Due i magistrati eletti per il posto di consigliere di Cassazione (giudici di legittimità): Piercamillo Davigo, leader di Autonomia e Indipendenza, che l’ha spuntata con un vero e proprio plebiscito (2522 voti); e Loredana Micciché per Magistratura indipendente. Fuori i candidati di Unicost e di Area, il che è un dato clamoroso.
Quattro invece sono i pubblici ministeri (qui non c’è stata una vera partita considerato che quattro erano i candidati, uno per corrente): Antonio Lepre (1997 voti), sostituto procuratore di Paola ed espressione di Magistratura indipendente; Giuseppe Cascini, procuratore aggiunto a Roma e in quota Area; Luigi Spina (1770 voti), sostituto procuratore a Castrovillari in quota Unicost; Sebastiano Ardita (1291 voti), il procuratore aggiunto a Catania che viene considerato il numero due di Davigo all’interno di Autonomi e Indipendenza.
Dieci, infine, sono i giudici di merito: Marco Mancinetti, di Unicost, ex presidente dell’Anm Roma e giudice nella capitale (733 voti); il giudice di Milano Paola Braggion, di Magistratura Indipendente (720);  Giovanni Zaccaro, rappresentante di Area e giudice a Bari (671 voti); Gianluigi Morlini, di Unicost, giudice a Reggio Emilia (651); Corrado Cartoni, giudice a Roma ed esponente di MI (614); Michele Ciambellini (Unicost), giudice a Napoli (598 preferenze); Alessandra Dal Moro, giudice a Milano ed esponente di Area (589 voti); Mario Suriano (di Area, giudice a Napoli) con 567 voti, Paolo Criscuoli, giudice a Palermo ed esponente di MI (540); Concetta Grillo (Unicost), presidente di sezione a Caltagirone (522 voti). Il 19 luglio il Parlamento eleggerà in seduta comune gli 8 membri laici. ( L’analisi del voto è disponibile sul quotidiano digitale di oggi 13 luglio (vedi la prima pagina e i titoli di quelle interne). Per leggere i servizi del quotidiano digitale basta abbonarsi accedendo alla sezione ‘Sfoglia il Quotidiano’. )

—>> Leggi anche: 

Chiese l’arresto per l’ex marito della compagna, il pm Vincenzo Ferrigno sanzionato dal Csm. E’ anche a processo

venerdì, 13 luglio 2018 - 12:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA