Torna in carcere dopo aver ingerito ovuli di stupefacenti: sequestro a Secondigliano

Cella Carcere

Maxi sequestro di sostanze stupefacenti nel carcere napoletano di Secondigliano dove i cani antidroga della polizia penitenziaria hanno verosimilmente sventato un festino di Capodanno in cella a base di droga: il finissimo fiuto di Igor e Cesare ha consentito di scoprire un detenuto, a cui era stato concesso di trascorrere il Natale in famiglia, tornato nell’istituto penitenziario dopo un permesso premio con nell’intestino numerosi ovuli contenenti hashish. L’uomo è stato denunciato.

«Nonostante lo Stato investa milioni di euro per i detenuti – ha commentato Ciro Auricchio, segretario regionale dell’Uspp – con programmi di trattamento, corsi di studio, lavoro e attività socio/ricreative, molti tradiscono la mano tesa della collettività». Il blitz del comandante della polizia penitenziaria di Secondigliano è stato coadiuvato dal nucleo regionale cinofili Campania del distaccamento di Benevento e Avellino.

Leggi anche:
– Raid armato in pescheria nel Napoletano, due persone ferite: è caccia all’uomo
– Camorra, appello di fine anno del Questore: «I cittadini denuncino, manifestazioni e fiaccolate non bastano»
– Ancora scontri tra tifosi in A1, identificati ultras del Bologna e del Torino
– 
Napoli, lei chiede la separazione: lui ottiene di incontrarla e si presenta con una bottiglia di benzina
– Booking (il sito per prenotare vacanze) finisce sotto inchiesta, l’accusa dei pm di Genova: evasione dell’Iva

 

lunedì, 31 dicembre 2018 - 10:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA