Coronavirus, videochiamate illimitate per i detenuti: il Dap distribuirà 3200 telefonini nelle carceri

Carcere

Garantire ai detenuti di avere contatti con i loro familiari anche durante questo periodo di restrizioni che contengono ulteriormente le possibilità, per chi è in carcere, di avere rapporti con l’esterno. E così l’amministrazione penitenziaria distribuirà, su iniziativa del Dap, 3200 telefoni cellulari, con altrettante sim card, per consentire le videochiamate dei detenuti ed avvicinarli ai loro affetti.

Milleseicento smartphone e sim card sono state messe a disposizione dalla Tim attraverso una donazione, con i cellulari sarà possibile aumentare il numero di conversazione dei carcerati; i beni sono stati  immediatamente resi disponibili ai Provveditorati regionali che, in tempi rapidi, li distribuiranno agli istituti penitenziari del territorio di competenza. I nuovi telefoni saranno messi a disposizione dei detenuti che potranno effettuare telefonate e videochiamate con i propri familiari, in aggiunta ai mezzi già previsti.

Il Dipartimento di amministrazione penitenziaria ha poi comunicato che si sta provvedendo all’acquisto di altri 1.600 telefoni mobili. Si potrà fare ricorso a questi mezzi, in aggiunta a quelli già presenti negli istituti (Skype e telefoni fissi), oltre i limiti di tempo consentito. Tra le altre iniziative per contrastare le conseguenze delle misure restrittive e dell’emergenza messe in campo c’è anche l’utilizzo senza costi del servizio di lavanderia, la possibilità di ricevere bonifici online, l’aumento dei limiti di spesa per ciascun detenuto.

Leggi anche:
– 
C’è la quarantena, ma non per i sicari: 33enne ferito in un agguato nel Napoletano, caccia a 4 uomini 
– Lombardia, Fontana chiede al Governo se c’è conflitto con la sua ordinanza. Ma in Campania De Luca va dritto come un treno
– Carceri, mascherine di carta attaccate con le spillette o chirurgiche: la dotazione per la Penitenziaria in alcune carceri
– Coronavirus, stabilimento Fca produrrà mascherine. La Ferrari supporterà la produzione di respiratori
– Coronavirus, a San Giorgio a Cremano è vietato sedersi sulle panchine. A spasso col cane solo sotto casa
– Coronavirus, a Napoli estubati altri 4 pazienti trattati con il farmaco anti-artrite
– Coronavirus, spesa ogni sette giorni: pugno duro di un sindaco del Salernitano, ingressi scaglionati per ordine alfabetico

martedì, 24 marzo 2020 - 10:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA