E’ morto l’ex allenatore Mondonico, ultimo testimone di un calcio che non esiste più Nella sua lunga carriera anche il Napoli

Emiliano Mondonico ai tempi del Novara

E’ morto all’età di 71 anni Emiliano Mondonico, allenatore di Torino, Atalanta, Napoli, Fiorentina e Cremonese. Con lui se ne va l’ultimo testimone di un calcio romantico che non esiste più. A dare la notizia della sua morte è la figlia Clara sulla sua pagina Facebook. «Ciao pap, sei stato il nostro esempio e la nostra forza…ora cercheremo di continuare come ci hai insegnato tu. Eternamente tua». Mondonico, originario di Rivolta d’Adda, da sette anni lottava contro un tumore che aveva richiesto delle delicate operazioni. «Il calcio mi dà la forza di per continuare la sfida», diceva a chi gli stava vicino. Il ‘Mondo’, che era stato anche un’ala di Torino, Atalanta, Monza e Cremonese, aveva compiuto 71 anni il 9 marzo scorso. Nel Napoli arrivò nella stagione 2000/2001 dove subentrò all’esonerato Zeman. Nonostante la retrocessione in Serie B, arrivata all’ultima giornata di campionato, il tecnico ha lasciato un buon ricordo tra i tifosi. Lo stesso Mondonico ha più volte dichiarato che «se fossi arrivato qualche giornata prima ci saremmo salvati». Quella retrocessione aprì le porte della disfatta societaria del Napoli del duo Corbelli-Ferlaino. Gli azzurri, infatti, solo dopo il fallimento e l’arrivo di Aurelio De Laurentiis sono riusciti a risalire in Serie A.  «Uniti nel dolore, il presidente Aurelio De Laurentiis, i dirigenti, lo staff tecnico, la squadra e tutta la SSC Napoli esprimono profondo cordoglio per la morte di Emiliano Mondonico». Il club partenopeo ricorda così il tecnico lombardo. «Mondonico ha saputo coniugare carattere e spiccata personalità in campo a ironia e sagacia nel suo stile sempre originale, incisivo e apprezzabile anche nelle vesti di commentatore televisivo», si legge sul sito ufficiale della società campana.

giovedì, 29 marzo 2018 - 13:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA