Salvini arriva a Napoli, applausi al Vasto. In via Toledo i centri sociali pronti alla contestazione: «La Lega è una vergogna»

Matteo Salvini (foto Kontrolab)

E’ arrivato a Napoli il ministro dell’Interno Matteo Salvini ed è la sua prima visita da esponente del Governo. La prima tappa è stata nel quartiere Vasto, zona alle spalle della stazione Centrale, da tempo al centro di polemiche per la presenza di immigrati irregolari spesso protagonisti di episodi criminosi. All’arrivo di Salvini, in un quartiere miracolosamente pulito e pieno zeppo di forze dell’ordine, i residenti hanno intonato cori per il ministro e hanno voluto scattare selfie. «Matteo siamo con te, a Napoli sei il benvenuto. Abbiamo bisogno di te», hanno urlato alcune persone affacciate ai balconi di via Milano. Il vicepremier li ha ringraziati e salutati mentre attraversava a piedi alcuni viali del Vasto e in particolare mentre completava il giro di via Firenze. Il vicepremier ha anche incontrato il parroco della chiesa del Buon Consiglio da anni impegnato sul territorio. «Il mio impegno sarà quello di ritornare in questa parrocchia dopo aver riportato un po’ di ordine in più – ha detto Salvini – è una questione di buonsenso, non c’entra niente il razzismo». Alcuni alcuni immigrati da anni residenti al Vasto hanno voluto scattare un selfie con il ministro.
Completamente diversa, invece, la situazione al centro storico di Napoli e in particolare nella zona di via Toledo dove gli attivisti dei centri sociali si sono riuniti al grido di «Questa Lega è una vergogna» e sono pronti a manifestare all’esterno della prefettura. Tra poco, infatti, il vicepremier sarà in prefettura per presiedere il comitato provinciale per la sicurezza e l’ordine pubblico. Nella notte sono stati affissi anche manifesti con uno dei cori che Salvini aveva intonato in occasione della festa della Lega a Pontida nel 2009: «Senti che puzza, scappano anche i cani, stanno arrivando i napoletani. O colerosi, terremotati, voi col sapone non vi siete mai lavati». E, poco più in basso la frase: «Napoli non dimentica».
La lunga giornata napoletana di Salvini è appena iniziata.

martedì, 2 ottobre 2018 - 10:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA