Castellammare, inchiesta sui clan: dopo gli arresti, nel rione dei D’Alessandro falò contro i pentiti

Procura di Napoli (foto Kontrolab)

«Così devono morire i pentiti, abbruciati»: è la scritta comparsa su uno striscione accanto a un falò – dove è stato bruciato anche un manichino – la scorsa notte in un rione di Castellammare di Stabia considerato roccaforte del clan D’Alessandro, decapitato di recente con l’arresto dei reggenti. A mezzanotte è stato dato fuoco alla catasta di legna, al fantoccio e allo striscione. Il macabro “spettacolo” e’ stato applaudito da una piccola folla di persone. Non solo: l’immagine è diventata anche oggetto di uno scatto che ha fatto ben presto il giro del web.

Sull’episodio stanno adesso indagando le forze dell’ordine. L’accaduto è stato anche segnalato alla Direzione distrettuale antimafia di Napoli che ha coordinato l’inchiesta che pochi giorni fa ha colpito diversi clan della camorra dell’area stabiese, dai D’Alessandro, ai Cesarano (Pompei), agli Afeltra e ai Di Martino (Gragnano e Pimonte). L’inchiesta, che ha acceso i riflettori su numerosi episodi estorsivi ai danni di commercianti e imprenditori (tra il 2013 e il 2016), ha anche fatto finire in carcere un imprenditore molto noto e molto influente a Castellammare di Stabia, Adolfo Greco, accusato di aver fatto da mediatore tra la camorra e imprenditori vittime di estorsioni.

L’inchiesta e il ‘falò’ contro i pentiti potrebbe essere collegati, dal momento che l’indagine sugli episodi estorsivi ha preso il via proprio in seguito alle dichiarazioni di Salvatore Belviso (ex uomo di punta dei D’Alessandro), uno dei tre collaboratori di giustizia le cui dichiarazioni sono transitate negli atti d’indagine.

Sull’inchiesta contro i clan leggi tutti gli articoli pubblicati sul sito: 
– Castellammare, le indagini su Greco: legami con politici e ambienti giudiziari, quei sospetti sui piaceri ai malavitosi
– Inchiesta sui clan a Castellammare, Greco faccia a faccia con la vedova del boss D’Alessandro e col ras Afeltra
Castellammare e clan, il gip: «Greco stimato e rispettato dai boss, riceveva uomini dei clan a casa o in azienda»
– Estorsioni, 13 arresti a Castellammare: carcere per l’imprenditore Adolfo Greco, in casa milioni di euro in un vano segreto

sabato, 8 dicembre 2018 - 14:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA