Lei non accetta la separazione e lo ustiona con l’acido: arrestata nel Milanese

Carabinieri

Un 30enne è rimasto gravemente ustionato al viso e al torace e rischia di perdere un occhio dopo essere stato colpito al volto con acido, lanciatogli contro dalla ex fidanzata di 38 anni dopo una lite in strada, nella tarda serata di ieri a Legnano, nel milanese. La donna si è poi costituita ai carabinieri ed è stata arrestata per lesioni personali gravissime e atti persecutori e si trova in carcere.

Non accettava la fine della loro storia e così presumibilmente lo ha raggiunto per tentare di convincerlo ancora a cambiare idea e poi, in mezzo alla strada, gli ha rovesciato addosso un flacone di acido, provocandogli ustioni di terzo grado al volto, al torace e alle mani, e rimanendo lievemente ustionata alle mani anche lei. Questa, stando ai primi accertamenti dei carabinieri, sarebbe la dinamica dell’aggressione verificatasi ieri sera. Lui, soccorso e ricoverato in ospedale, rischia di perdere l’occhio destro. La donna, di otto anni più grande di lui, dopo essere fuggita dal luogo dell’aggressione, si e’ presentata ai carabinieri che l’hanno arrestata dopo averla portata in pronto soccorso, dove le sono state riscontrate ustioni di secondo grado alle mani.

Leggi anche:
– Napoli, Salvini lancia la norma ‘spazza clan’: 800 assunzioni e 25 milioni di euro
– Napoli, affitti a prezzi stracciati per le cavità del sottosuolo, 9 indagati: danno erariale da 30 milioni di euro
Attacco alle Pec fornite da Lextel, problemi per gli avvocati di tutta Italia. Segnalazioni anche da Napoli
– Cinque procure in attesa di un capo: Roma, Salerno, Brescia, Torino e Perugia. Comincia la valutazione dei candidati
– Salerno, strattoni e capelli tirati ai bimbi Indagate tre maestre di un asilo
Appalti e tangenti, terremoto a Milano: arrestati politici di Fi, uno è candidato alle Europee. Rischia il deputato Sozzari
Magistrati onorari sul piede di guerra: sciopero fino al 17 maggio, Bonafede tende una mano alla categoria su Fb

mercoledì, 8 maggio 2019 - 11:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA