Il caso dei comuni di Riace e Lampedusa: nel regno dell’accoglienza è boom Salvini «E’ un segnale chiaro sull’immigrazione»

Uno sbarco di migranti (Foto Kontrolab)

Ci sono due comuni in Italia dove il voto in favore della Lega pesa più che altrove. Ci sono due comuni che, più di altri, diventano cartine di tornasole per analizzare le ragioni dello straripante successo che Matteo Salvini e il Carroccio hanno ottenuto in queste elezioni europee, affermandosi come il primo partito in Italia in cima ai consensi degli elettori. Parliamo di Riace e di Lampedusa, due realtà del Sud che la stampa ha sempre presentato come modello di umanità, come modello di accoglienza dei migranti nonostante le difficoltà. Riace è stato per tutti il comune di Domenico Lucano (Pd), è stato per tutti modello di accoglienza ed integrazione dei migranti che vi si praticava. Un’oasi virtuosa e felice, è stato detto. Lampedusa è il primo porto di sbarchi dei migranti in Italia: è l’isola che accoglie, nonostante questo abbia avuto ripercussioni sul turismo. E’ l’isola dove «il porto è aperto», come sempre confermato dal sindaco Salvatore Martello. E’ l’isola del medico Pietro Bartolo, che dal 1992 ha prestato le prime cure a tutti i migranti sbarcati sull’isola.

A Riace e Lampedusa il partito più voto è stato la Lega e con percentuali bulgare: nello specifico a Riace, il Carroccio ha ottenuto un clamoroso 30,75%; i Cinque Stelle si sono piazzati secondo con il 27,43%, mentre il Pd è terzo con il 17,39%. A Lampedusa la Lega ha superato addirittura il 45%, più del doppio del Pd, il partito che ha candidato alle Europee il medico dei migranti Pietro Bartolo. Dati inattesi rispetto alle narrazioni che sino ad oggi i giornali hanno fatto di questi due comuni, segno che c’è stato un malcontento in queste due realtà che non è si è voluto vedere e non si è voluto analizzare. Dati che Matteo Salvini ha così commentato stamattina in conferenza stampa a Milano: «Riace e Lampedusa vedono la Lega primo partito: segno che la richiesta di immigrazione limitata e controllata non è solo un capriccio di Salvini ma la chiedono gli italiani ed è una delle prime battaglie che andremo a vincere nella nuova Europa».

Alle sue parole fa eco Angela Maraventano, la prima leghista di Lampedusa, quando ancora il Carroccio era guidato da Umberto Bossi e Matteo Salvini era un giovane simpatizzante della Lega. «La gente è davvero stanca – ha osservato Maraventano – a noi interessa vivere e non sopravvivere a Lampedusa. Questa isola non cresce e fino a poco tempo fa, e tutto era concentrato sull’immigrazione, un fenomeno che il ove ti nazionale sta provando a bloccare». Un voto, secondo Maraventano, «non solo contro i migranti». «L’isola resti pure accogliente ma dicono no a chi traffica carne umana. Una cosa che ripeto da anni e anni’», ha concluso.

Leggi anche:
Salvini pronto a sfidare l’Europa: «Se ci dicono di tagliare, dirò ‘no’: l’obiettivo nostro è ridurre le tasse e assumere»
– Il ‘Manifesto del diritto penale liberale’, ogni giorno un commento degli esperti: dal 3 giugno su Giustizia News24
– Salvini a valanga, lo premia anche il Sud Risultato storico: 33% di voti per la Lega Cosa accadrà negli equilibri del Governo
– Scontro tra camper e auto, incidente mortale a Pozzuoli: un morto e 3 feriti
– Rissa tra giovani a Cadice in Spagna, italiani ascoltati dalla magistratura Ragazzo spagnolo in coma
– Auto piena di droga scoperta dai militari dell’Arma: arrestato 33enne nel Napoletano
– Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Santa Maria Capua Vetere, nominato il nuovo Cda della Scuola Forense Fest
Napoli si mobilita per il piccolo Gabriele, gara di solidarietà in piazza Dante: si cerca un donatore di midollo osseo
– Pompei, 59enne arrestato per tentata estorsione, aveva chiesto un ‘regalo’ «per i carcerati di Ponte Persica»
– Scontro tra moto e furgone, perde la vita una 29enne nell’Avellinese

lunedì, 27 maggio 2019 - 13:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA