Eutanasia, i giallo-verdi in difficoltà: quasi finito il tempo dato dalla Consulta, si interverrà solo sull’aiuto al suicidio


Sul tema dell’eutanasia il Parlamento è ancora in alto mare. Eppure settembre è vicino. E’ vicino il termine ultimo che, nell’ottobre dello scorso anno, la Consulta ha dato al Parlamento italiano per mettere mano alla legge in riferimento al tema del «suicidio assistito», perché la legge attuale – avevano sottolineato i giudici della Corte Costituzionale «ha vuoti di tutela».

Da ottobre ad oggi le audizioni nelle Commissioni Giustizia e Affari sociali sul tema sono state numerose (circa 40); le due Commissioni della Camera hanno iniziato ad esaminare tre testi in materia di eutanasia (una proposta di iniziativa popolare, una di Leu ed una dell’ex M5s Andrea Cecconi). Ma il problema è che Lega e Cinque Stelle stentano a trovare un accordo, questo perché i due partiti di Governo hanno due posizioni antitetiche. La soluzione che potrebbe mettere d’accordo Lega e Cinque Stelle è quella di intervenire solo sul reato di aiuto al suicidio (art. 580 del Codice penale), lasciando fuori l’eutanasia. Ma anche su questo aspetto le divergenze non mancano: la proposta della Lega è di attenuare le pene per i parenti che aiutano nel suicidio un malato “tenuto in vita solo per mezzo di strumenti di sostegno vitale”.

Ma Marco Cappato, presidente dell’associazione Luca Coscioni che è sotto processo per aiuto al suicidio assistito, non era parente di Dj Fabo e la soluzione – che piace all’ala cattolico tradizionalista di Fi – non lo salverebbe. M5s, ma anche il Pd e la parte liberal di Fi, sarebbero favorevoli a depenalizzare in determinate circostanze, da indicare con chiarezza, le situazioni di aiuto al suicidio. Domani, 11 giugno, i relatori dovrebbero portare la loro proposta al Comitato ristretto. Il 26 giugno è previsto l’approdo in Aula, che potrebbe pero’ slittare, complici i decreti in scadenza da esaminare.

Leggi anche:
– 
La bufera sulle toghe travolge l’Anm: termina dopo due mesi l’era Grasso, domenica si vota il rinnovo della giunta
– Camorra, due latitanti stanati al mare: presi esponenti del clan Rinaldi
– Lavoro, riprendono i tavoli di crisi al Mise Da Whirlpool a Blutec, passando per Ast: tutti gli appuntamenti fino a luglio
– Incidente mortale a Napoli, auto investe pedoni: donna perde la vita in via Petrarca
– Napoli, ucciso dal crollo di un cornicione La procura indaga sui lavori manutentivi: le pietre hanno sfondato la rete di protezione
– M5S: «Salvate Napoli da de Magistris» Interrogazione ai ministri Salvini e Tria, la carica di 58 senatori del Movimento
– Tragedia a Napoli, crolla pezzo di cornicione: commerciante colpito alla testa in via Duomo, muore in ospedale

lunedì, 10 giugno 2019 - 12:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA