Legalità, continua il tour della mostra
su Falcone e Borsellino: dopo Bologna, Milano e Napoli tocca a Chieti


«Per costruire un futuro migliore occorre coltivare la memoria ed è questa la finalità delle iniziative che diffondono la cultura della legalità nelle scuole». Lo ha detto stamane il senatore Giovanni Legnini nell’intervento di inaugurazione della mostra fotografica itinerante che è approdata a Chieti. Duecento fotografie per ricordare l’eredità che i giudici Falcone e Borsellino hanno lasciato alle nuove generazioni. La mostra, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e promossa dall’ANSA, è un tour itinerante per la legalità che dopo Bologna, Milano e Napoli, approda oggi all’Istituto Savoia di Chieti fino al 20 dicembre.

«Desidero la verità e parlando con i ragazzi spero che il cambio generazionale e la consapevolezza delle nuove generazioni possano davvero sconfiggere la mafia». E’ la riflessione di Giuseppe Costanza, l’autista che dall’84 al ’92 è stato vicino al giudice Falcone, e oggi ha voluto testimoniare l’importanza della lotta in favore della legalita’ che questa mostra fotografica promuove nelle scuole italiane. «Occorre contrastare la cultura mafiosa in Italia e in Abruzzo – continua Legnini – e la nostra regione va preservata dai tentativi di infiltrazione per fortuna fino ad oggi contrastati e individuati dalle forze dell’ordine e dalla magistratura».

Leggi anche:
– Napoli, prova a violentare una ragazza ferendola con un coltello: 37enne arrestato
– La Lega va alla conquista di Napoli: presentata la scuola di formazione
 dei futuri quadri dirigenti del partito
– Napoli, bus esce dal deposito e va in fiamme: paura allo stazionamento del Cardarelli
– Gilet gialli: lacrimogeni e fermi a Parigi, protesta anche in Belgio dove si registra un morto
– Napoli, momenti di panico in via Cervantes Una mamma perde la bimba, urla disperate in strada: la piccola ritrovata quasi subito
– Sequestrati 680 chili di sigarette illegali, una persona arrestata in flagranza a Napoli
– Speronano auto dei carabinieri, inseguiti e arrestati: trovati dipinti rubati e preziosi
– Pompei, sequestrati 23 chili di droga Avrebbe garantito mezzo milione di euro
– Errori giudiziari e sanzioni, Bonafede tace sui numeri delle azioni contro i magistrati
– Cantone: «Combattere la corruzione cambiando mentalità degli amministratori»

sabato, 15 dicembre 2018 - 19:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA