Ancona, la mamma morta lascia 4 figli Rabbia del marito: «In quella discoteca erano in troppi e tutti ubriachi»

La tragedia di Ancona
La strage in discoteca a Corinaldo
di Mauro Della Corte

Doveva essere un momento di gioia per la sua famiglia. Eleonora Girolimini, 40 anni, desiderava che la figlia, di 11 anni, trascorresse una serata d’allegria e spensieratezza al concerto del beniamino dei ragazzi, il trapper Sfera Ebbasta. Per questo aveva deciso di accompagnare la figlia in quella discoteca insieme al marito ma è rimasta vittima della calca e di quella folla impaurita che si è mossa come un gregge impazzito. Eleonora è tra le sei vittime che ieri ha perso la vita al ‘Lanterna Azzurra Clubbing’ di Corinaldo.

Il suo corpo senza vita è stato ritrovato sotto decine di persone cadute dalla piattaforma che conduceva all’esterno. La donna lascia quattro figli: due gemelli e altri due, tra cui la bambina di undici che aveva accompagnato al concerto e che si è salvata. La piccola ha voluto vedere il corpo della madre ed è stata condotta all’obitorio. Il marito della vittima, Paolo, invece ha lasciato l’obitorio intorno alle 17 circondato dai parenti più cari. Poche ma sentite le parole dell’uomo, provato dal dolore: «Non ce la faccio a dire niente. Solo che quattro figli sono rimasti senza la loro mamma e uno di loro prende ancora il latte. Parlerò più avanti per dire quello che è successo li dentro. Non era un concerto ma una discoteca strapiena di gente e piena di alcolici. Il concerto doveva iniziare alle 22 e invece non iniziava. Porti tuo figlio li ed erano tutti ubriachi».

Leggi anche:
– Ancona, la strage di minori in discoteca: il Questore in lacrime, la procura apre 2 fronti di inchiesta e ‘accusa’ i gestori
– Ancona, la strage di minori in discoteca: otto ragazzini sono in pericolo di vita, ecco le sei vittime della tragedia
– Melito, spaccio di droga nella ‘219’: arrestate due persone sorprese a vendere sostanze stupefacenti
– Pretendeva un fuori busta sulle indennità per i disabili, avvocato condannato a 4 anni
– Gli italiani bocciano la Giustizia: costosa e lenta, i dati della sfiducia nel rapporto Censis

sabato, 8 dicembre 2018 - 18:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA