Uccise la moglie con un colpo di pistola, l’Appello non fa sconti a D’Aponte: confermata la condanna all’ergastolo

Stefania Formicola, la 28enne di Miano uccisa dal marito

Un colpo di pistola esploso dritto al cuore della donna. Esploso dritto al cuore della moglie con la quale aveva avuto due figli. Era l’alba del 19 ottobre del 2016 quando Carmine D’Aponte, residente a San Marcellino, spezzò la vita di Stefania Formicola, che aveva 28 anni.
A distanza di due anni da quel delitto, i giudici della seconda sezione della Corte d’Assise d’Appello di Napoli hanno confermato la condanna all’ergastolo che venne disposta in primo grado nei confronti di D’Aponte. Nessuno sconto di pena, benché la difesa – tra le varie richieste – avesse avanzato quella di ridimensionare la vecchia condanna alla luce del fatto che il giudizio di primo grado si definì con la modalità del rito abbreviato. Nel processo si sono costituiti parte civile i genitori e i figli di Stefania Formicola (rappresentati dagli avvocati Raffaele Chiummariello, Anna Pedata e Libera Cesino), nonché l’associazione ‘Libera dalla violenza’. La Corte ha accolto in toto la richiesta del sostituto procuratore generale Edoardo Cilenti che aveva tenuta la requisitoria mercoledì scorso.

L’omicidio si consumò nel comune di Sant’Antimo. Stefania Formicola e Carmine D’Aponte si stavano separando. L’uomo contattò la moglie chiedendole un chiarimento. I due si incontrarono a Sant’Antimo. D’Aponte si recò munito di una pistola, carica e col colpo in canna. I due iniziarono a litigare e Carmine D’Aponte esplose un colpo di pistola che centrò Stefania Formicola dritto in petto. Gli investigatori trovarono anche un diario di Stefania nel quale la donna raccontava le violenze che subiva dal marito e in un passaggio si appellava ai suoi genitori implorandoli di prendersi cura dei suoi figli se le fosse accaduto qualcosa. Un presagio che fu ricordato anche durante l’omelia del rito funebre nel rione don Guanella a Miano, dove era nata e cresciuta fino al matrimonio.

D’Aponte dal canto suo ha sempre sostenuto che il colpo partì in maniera accidentale, ma la procura non ha mai creduto alla sua tesi anche perché una perizia balistica ha escluso la possibilità dell’incidente. Neppure il giudice per le indagini preliminari Daniele Grumieri del Tribunale di Napoli Nord, che il 12 febbraio dello scorso anno condannò Aponte, ha mai creduto alle giustificazioni fornite dall’uomo. E oggi i giudici della seconda sezione della Corte d’Assise d’Appello di Napoli hanno confermato il verdetto.

Leggi anche:
Evade i domiciliari per vendicarsi dell’ex ma tenta di precostituirsi un alibi: donna di 31 anni scoperta e arrestata | La storia tra Scafati e Torre del Greco
– Omicidio Materazzo, il processo si ferma: l’imputato Luca cambia ancora avvocato Nominati 2 penalisti, siamo a quota 14
– A Posillipo il percorso della vergogna: strade interrotte, muri crollati e rifiuti. La protesta dei residenti caduta nel vuoto
Consip, 2 pm sotto accusa dinanzi al Csm. Il pg chiede la condanna: «Censura per Woodcock, ammonimento per Carrano»
Tangenti per aggiustare cinque sentenze nella giustizia amministrativa: 4 arresti. Guai per 3 giudici, in pensione o sospesi
La storia kafkiana del giudice stabiese Nicola Russo, confuso col giudice Nicola Russo arrestato e indagato e sbattuto in prima pagina come se fosse lui l’indagato
– Poliziotto ferito gravemente alla testa durante controlli antidroga a Viareggio
– Minaccia madre e fratello per estorcergli denaro, arrestato 44enne nel Napoletano

venerdì, 8 febbraio 2019 - 14:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA