Bufera sui magistrati, è tutti contro tutti Tre consiglieri del Csm in quota Mi contro Anm: «Richiesta di dimissioni infondata»


Adesso nel mondo della magistratura volano gli stracci. Adesso si scatena il tutti contro tutti. Mentre il comitato direttivo centrale dell’Anm, con una delibera di fuoco, invoca le dimissioni dal Csm dai consiglieri toccati dall’inchiesta di Perugia e deferisce ben cinque magistrati (incluso il parlamentare Cosimo Mattia Ferri) ai probiviri, tre magistrati ‘interessati’ dalla rivolta dell’Anm si rivoltano contro i loro colleghi e li accusano in buona sostanza di un giustizialismo immotivato e frutto esclusivamente di una campagna di stampa feroce.

«La richiesta di dimissioni avanzata nei nostri confronti dall’odierno consiglio direttivo centrale dell’Anm è priva di fondamento e basata solo su articoli di stampa»: così in una nota i tre consiglieri togati di Magistratura indipendente Antonio Lepre, Corrado Cartoni e Paolo Criscuoli che si sono autosospesi dal Csm a seguito dello scandalo nomine. «Nessuna nostra attività consiliare, come singoli e gruppo, è stata mai influenzata dall’esterno e nessuno sviamento della funzione vi è stato – assicurano i tre togati – come inequivocabilmente dimostrano i numeri da cui si evince quasi l’unanimità e la eterogeneità della composizione delle minoranze di volta in volta formatesi : su un totale di 30 direttivi vi sono state ben 27 proposte uniche, 2 proposte doppie e una proposta tripla; su un totale di 40 semidirettivi vi sono state ben 30 proposte uniche, 9 doppie proposte e una proposta tripla (appunto Procura Roma)».

«Avevamo deciso di intervenire solo all’esito del doveroso percorso istituzionale in rispetto del quale abbiamo deciso di astenerci dalle ordinarie attività consiliari, confidando nel segreto istruttorio: pare evidente che oramai era necessario fornire la nostra spiegazione – aggiungono -. Ovviamente, ci riserviamo di tutelare la nostra onorabilità nelle sedi competenti a fronte di questa vergognosa campagna stampa».

Leggi anche:
Bambini maltrattati in un asilo, insegnanti ai domiciliari nell’Avellinese: c’è anche un’accusa di violenza sessuale
Noa e la falsa notizia dell’eutanasia: la 17enne si è lasciata morire in casa di fame e di sete. Cappato: «Ora smentite e scuse»
– Bufera sui magistrati, il premier Conte censura la contiguità con la politica
De Magistris: «Uno schifo già visto»
– Circumvesuviana, è ancora sciopero: disposto un blocco delle corse per 4 ore per la giornata di giovedì 6 giugno
– Torre del Greco, appalti truccati e clan: Vaccaro, il ‘burattinaio’ della commistione tra politica, camorra e imprese
– Camorra, sequestrati beni per 6 milioni di euro a referente del clan Mallardo
– Concorsi truccati nell’Esercito grazie all’algoritmo ‘magico’, la Cassazione conferma il reato associativo

mercoledì, 5 giugno 2019 - 16:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA