Nel Napoletano padre uccide la figlia
di 16 mesi e poi tenta il suicidio

Carabinieri

Una bimba di 16 mesi è stata uccisa dal padre a San Gennaro Vesuviano (in provincia di Napoli). Un tentativo di omicidio-suicidio quello avvenuto questa mattina intorno a mezzogiorno in via Tenente Cozzolino. L’uomo, un 35enne, ha lanciato la piccola dal balcone posto al secondo piano e poi si è a sua volta buttato. Immediati i soccorsi, per la bimba non c’è stato niente da fare, è morta sul colpo.

Il padre ora si trova in condizioni gravi all’ospedale Cardarelli di Napoli. Sul fatto indagano i carabinieri che stanno ascoltando vicini e parenti per ricostruire il movente del folle gesto e come sia accaduto. Secondo una primissima ricostruzione il 35enne era in casa con la moglie. Le avrebbe chiesto, con una scusa, di allontanarsi, di andare in un’altra stanza, poi la tragedia. Tra il marito e la moglie, sempre secondo primi accertamenti, ci sarebbero stati dei problemi: la coppia, sembra, si stava separando.

Leggi anche:
– Trascinata dall’auto dell’ex e uccisa, l’Appello riscrive la storia: fu omicidio preterintenzionale, 8 anni all’imputato
– Bancarotta ed evasione, 4 persone ai domiciliari e 2 finanzieri in carcere Sequestrato il Castello Aragonese di Ischia
– Bambini investiti e uccisi dal Suv a Vittoria, oggi la convalida del fermo per Greco: accusato di omicidio stradale
– Incendi, bombe e minacce telefoniche a Vico Equense per sottrarre gli appalti a ditta concorrente: 2 arresti | Video

lunedì, 15 luglio 2019 - 14:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA