Trasfusione con sangue infetto a una partoriente, il Ministero della Salute condannato a risarcire 700mila euro

Tribunale di Napoli

Doveva «dirigere, autorizzare e sorvegliare» sulla circolazione del sangue e degli emoderivati ma non lo fece: il Ministero della Salute è stato condannato dal Tribunale di Napoli (VI sezione civile) a un risarcimento da 700mila euro per il decesso di una donna che 43 anni fa venne sottoposta in un ospedale di Napoli a trasfusioni di sangue, poi rivelatosi infetto, che le inocularono il virus dell’epatite C.

A rendere nota la sentenza, emessa dai giudici lo scorso 15 novembre, è l’avvocato della famiglia, Maurizio Albachiara. La donna venne sottoposta a trasfusioni a causa di una perdita di sangue subita durante un parto cesareo. Dopo qualche anno comparve l’epatite C che si trasformò in una cirrosi. Fino al 1995 non aveva accusato nessuna sintomatologia. La donna morì poi, nel 2013, a causa di uno scompenso ascitico.

Leggi anche:
– Usa, un’altra strage in California: spari durante un party tra amici in giardino, quattro morti e sei vittime
Il bollo auto è una stangata, Codacons: in un anno gli automobilisti pagano 1932 euro di tasse 
La manovra economica entra nel vivo, Conte lavora con Gualtieri per ridurre i nuovi balzelli su auto aziendali e plastica 
Era sbarcato a Capodichino con 112 ovuli di droga nella pancia: ‘boy packer’ nigeriano arrestato dalla Gdf 
Tentano di rapinarlo, reagisce e gli sparano ad una gamba mentre passeggia nei pressi della fermata metro di Chiaiano 
Treno deraglia in Val Pusteria: nessun ferito, la zona è completamente isolata L’appello su Facebook: «Non prendete l’auto»

lunedì, 18 novembre 2019 - 13:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA