Preso il detenuto fuggito mentre
era in attesa al tribunale di Brescia

Tribunale Giustizia

Lo hanno preso. Il detenuto che era riuscito a fuggire dal tribunale di Brescia ieri mattina mentre era in attesa del processso è stato arrestato la scorsa notte a Milano. Marius Marmura era scappato scavalcando il muro del retro del Palazzo di giustizia, dove accedono i mezzi della polizia penitenziaria per accompagnare direttamente in aula i detenuti e da lì, forse, avrebbe raggiunto Milano con un treno. Il 31enne era stato condannato a 7 anni per rissa da un tribunale in Romania e a Brescia ieri avrebbe dovuto prendere parte all’udienza per l’esecuzione del mandato di cattura internazionale.

Il Nic, Nucleo investigativo centrale della polizia penitenziaria, ha individuato Marius Marmura stanotte nella stazione di Milano dopo una serie di serrati controlli. Detenuto a Canton Mombello dallo scorso 23 dicembre, quando fu arrestato sul raccordo tra l’A4 e l’A35 dagli agenti della Polstrada di Chiari durante un normale controllo, l’uomo aveva fornito false generalità ed era poi emerso come fosse colpito da un mandato di arresto europeo spiccato dal suo Paese di origine: era infatti stato condannato da un tribunale romeno a 7 anni e 6 mesi di reclusione per rissa.

Leggi anche:
– Napoli, esplodono fuochi d’artificio pericolosi in strada: incendiata una casa
– Tragedia vicino Pordenone: rogo distrugge una casa, muore un bimbo di 9 anni
– Napoli, arrestato il figlio di Maria Licciardi: era latitante da ottobre scorso
– Appalti alle ditte ‘amiche’: agli arresti domiciliari un sindaco del Casertano
– Caserta, truffe agli anziani: prese 2 bande. Agivano in Campania, Molise e Basilicata
– Napoli, in auto con una pistola pronta a sparare, fugge all’alt dei carabinieri: preso
– Esplode distributore di benzina nella notte a Napoli: l’incendio di origine dolosa
Sanremo e le accuse alla giuria d’onore L’arrangiatore Pagani spiega com’è andata e dice a Ultimo: «Deve imparare a perdere»
– Sanremo | Mahmood, la deriva razzista in Italia: gli insulti per il suo cognome e le tesi sul complotto politico sulla sua vittoria

mercoledì, 13 febbraio 2019 - 10:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA