Giustizia, ripartire dai minori educandoli alla legalità: Bonafede annuncia un piano tra ministeri di Giustizia e Istruzione

Alfonso Bonafede
Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede
di Laura Nazzari

Ripartire dai giovani, dai minori, educandoli alla cultura della legalità. Ripartire dai ragazzini e insegnare loro «cos’è il lavoro vero, che cosa può essere l’imprenditoria» e cosa significa «la lotta alla criminalità». A chiusura dell’intervento sul tema delle agromafie (tenutosi ieri), il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede lancia un appello e al tempo stesso disegna il perimetro dell’intervento che i ministeri della Giustizia e dell’Istruzione stanno pianificando per costruire nelle scuole una nuova sensibilità alla materia della criminalità organizzata e al rispetto delle regole. «I due ministeri stanno lavorando insieme su questo fronte. La criminalità è alla caccia del reclutamento di ragazzi sempre più giovani», osserva. E cita, a sostegno dell’osservazione, un paragrafo dell’ultima relazione (semestrale) della Direzione investigativa antimafia sul crimine organizzato in Italia. Nel dossier di 500 pagine di uso pochi giorni fa la Dia aveva evidenziato come ancora oggi le mafie traggano traggano la «linfa vitale» necessaria a rigenerarsi «in soggetti sempre più giovani, impiegati in professioni poco qualificate o senza occupazione, nella fascia più giovane, quella tra i 18 e i 40 anni». «Quando ci troviamo di fronte ad un ragazzo che va a scuola, noi pensiamo sia lontano dalla sfera dell’illegalità. Invece, soprattutto in contesti di maggiore povertà, può capitare che quel ragazzo viva in una realtà in cui l’illegalità si sostituisce allo Stato. Questo aspetto è fondamentale: in questo paese l’equazione tra povertà e sfruttamento del lavoro non è considerata nemmeno come patologica, è quai normale», spiega Bonafede. «Invece noi dobbiamo raccontare alle nuove generazioni che cos’è il lavoro vero, che cosa può essere l’imprenditoria, la lotta alla criminalità. Considero che tra i compiti principali di un ministro ci sia assecondare una cultura della legalità, soprattutto rivolta alle nuove generazioni», conclude Bonafede.

Leggi anche:
Truccarono il concorso per la polizia penitenziaria: 3 arresti e 160 indagati. Risposte su braccialetti e cover
– Ha un debito da 350mila euro per la droga, sequestrano il cognato per recuperare il denaro: presi 2 dei Mazzarella | Video
– Bimba di 22 mesi picchiata dal patrigno Ricoverata in gravi condizioni al Bambino Gesù di Roma: segni di morsi sul corpo
Le insidie del web: ricatta minorenni per avere video hot con bimbi di tre anni
– Napoli, vessata e picchiata per anni, trova il coraggio di denunciare: arrestato 50enne
– Toghe in politica, ‘condannato’ Emiliano: c’è la sanzione dell’ammonimento, decisione del Csm per la sua attività col Pd
– ‘Mafia Style’, dai ristoranti al web: all’estero spopola l’uso dei termini che richiamano il malaffare per vendere cibo: viaggio nei locali all’estero che si chiamano ‘Camorra’, ‘La Mafia’ e ‘Cosa Nostra’ | La denuncia di Coldiretti
– Targhe straniere per non pagare il bollo: sequestrate 10 auto nell’area oplontina, effetto del ‘Decreto Sicurezza’
– Furti in appartamento tra Lazio, Marche, Abruzzo e Campania: 10 persone arrestate

venerdì, 15 Febbraio 2019 - 13:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA