«Bagnoli, partono le bonifiche»: l’annuncio del ministro per il Sud Barbara Lezzi, pronti 320 milioni di euro

Bagnoli
Una veduta dell'ex stabilimento industriale siderurgico ILVA Italsider e della fabbrica Cementir (foto Kontrolab)

L’impasse sembra superata. Bagnoli dovrebbe finalmente avere la sua bonifica. E con essa potrebbe ripartire quella riqualificazione della zona industriale tanto attesa per anni dai suoi residenti. Il ministro per il Sud Barbara Lezzi ha infatti annunciato lo sblocco dei fondi necessari al risanamento di Bagnoli al termine della cabina di regia per Bagnoli che si è tenuta stamattina e alla quale ha partecipato anche il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, nonché rappresentanti della Regione Campania, del Mibac, Mise e Invitalia.

«Le risorse ci sono, abbiamo pronti 320 milioni per bonificare l’area di Bagnoli. Possiamo partire con i bandi per le aree disponibili. Una parte della progettazione è già avviata e stiamo aspettando l’esito dei bandi da parte del Consiglio di Stato che ci sarà l’11 aprile. Poi c’è una buona parte del territorio sotto sequestro della Corte di Appello e rispettosamente aspettiamo i tempi della Corte. Ma per le aree che sono libere si può partire subito. Sono molto contenta che quel posto venga finalmente liberato, e questa è la cosa più importante», ha commentato Barbara Lezzi. Con l’arrivo della bonifica, si creerà anche lavoro, un aspetto che Barbara Lezzi ha tenuto a sottolineare. «Ci sarà lavoro, è un investimento atteso da decenni e finalmente può partire», ha aggiunto il ministro.

Il ministro ha specificato che i 320 milioni riguardano «tutte le bonifiche sia di terra, sia di mare. Risorse che abbiamo messo a disposizione tutte immediatamente con l’augurio che – ha concluso – si possa partire in tutte le aree quanto prima».

Leggi anche:
– 
Obbligo vaccini, pochi i bimbi fermati. Il primo bilancio in Campania e Milano Eccezione in Trentino Alto Adige
– Nicola Zingaretti sbaracca il Pd: «Chiuderò la sede del Nazareno, spalancherò porte e finestre ai giovani»
La rotta della droga tra Costiera sorrentina e area stabiese, il maxi-blitz: 26 arresti
– Napoli, estorsione alla pizzeria Di Matteo: oggi la convalida del fermo per i Sibillo Vittime ai pm: «Paghiamo da sempre»
– Napoli, autobus dell’Anm preso a sassate vicino alle Vele di Scampia
Il pizzo imposto alle pizzerie di Napoli: decreto di fermo per il padre dei Sibillo e 3 indagati per l’estorsione a Di Matteo
– Omicidio del meccanico Luigi Galletta: dopo la condanna inflitta a Napoletano c’è l’ordinanza per Ciro Contini
Droga, la Consulta sana le anomalie: «La pena minima di 8 anni per i reati non lievi è sproporzionata»

lunedì, 11 marzo 2019 - 12:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA